Bollette elettricità, Codici in aiuto delle imprese per il rimborso dell’accisa provinciale



L’associazione Codici ha attivato i suoi esperti per fornire assistenza alle imprese in materia di energia elettrica. Nello specifico si tratta del diritto degli utenti non domestici al rimborso dell’addizionale provinciale pagata negli anni 2010 e 2011.

“L’accisa – spiega Marcello Padovani, avvocato di Codici – è stata applicata nel 2010 e 2011 per 9,30 euro ogni 1.000 kwh. Può dunque valere al massimo, su ogni posizione, un importo di 1.860 euro al mese per due annualità. Essendo soggetta a prescrizione decennale, da ogni scadenza di pagamento relativa all’anno 2010 decorre il termine decennale, che comporta l’erosione del diritto alla ripetizione delle somme nel corrispondente mese dell’anno 2020. La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha dichiarato tale accisa contraria alla Direttiva della Comunità Europea, pertanto deve essere rimborsata. Le imprese possono agire in sede civile, rivolgendosi al Giudice di Pace nel caso in cui il valore è inferiore a 5.000 euro, altrimenti al Tribunale Ordinario. Dal canto nostro – afferma il legale – siamo a disposizione degli utenti non domestici per assisterli nella richiesta di rimborso”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21181 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.