Compensi Sanremo. Coletta: “Insufficienti le rassicurazioni fornite dal direttore di Rai1”



Insufficienti per il Codacons le rassicurazioni circa i compensi del festival di Sanremo 2020 fornite oggi dal direttore di Rai1, Stefano Coletta.

CODACONS: NON BASTA. RAI DEVE RENDERE PUBBLICI I COMPENSI DEL FESTIVAL

“Non basta dire che la Rai ha razionalizzato i costi e l’azienda deve rendere pubblici i compensi elargiti a ospiti e conduttori – spiega il presidente Carlo Rienzi – Le voci che si sono rincorse nei giorni scorsi circa i cachet di Sanremo, a partire da quello di Roberto Benigni, sono tutt’altro che rassicuranti, e la Rai è un’azienda pubblica tenuta a garantire trasparenza e correttezza. Appellarsi alla privacy degli artisti per non comunicare i compensi appare come una scusa per non dire ai cittadini come sono stati spesi i soldi raccolti attraverso il canone”.

AZIENDA GARANTISCA TRASPARENZA A UTENTI

“Al contrario la Rai, proprio perché è riuscita a contenere i costi, deve rendere pubblici i dettagli circa le spese di Sanremo, garantendo così piena trasparenza agli utenti” – conclude Rienzi.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.