Test medicina. TAR ammette ricorso concorrenti del 2015



Non si tratta certo della prima sentenza che boccia i test di accesso per medicina, ma di un ulteriore tassello che contribuisce a dare legalità a chi ha sostenuto le prove di ammissione per le facoltà a numero chiuso.

CODACONS: IN ITALIA GIA’ ALTRE SENTENZE ANALOGHE

Lo afferma il Codacons, commentando la decisione del Tar Lazio di ammettere alcuni ricorrenti che avevano sostenuto i test nel 2015.

ORA PRONTI A RICORSI PER TUTTI I CANDIDATI ESCLUSI

“Siamo pronti a presentare una valanga di ricorsi in favore dei candidati che hanno affrontato dal 2015 ad oggi i test d’ingresso a medicina, al fine di far valere le ragioni degli esclusi di fronte alle evidenti irregolarità delle prove – spiega il presidente Carlo Rienzi – Tutti coloro che hanno sostenuto senza successo i test possono rivolgersi al Codacons per partecipare ai nuovi ricorsi collettivi che l’associazione sta predisponendo, finalizzati ad ottenere l’ammissione in sovrannumero alle facoltà di medicina in tutta Italia”.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.