Esplosione fabbrica fuochi d’artificio. Sono 68 i morti dal 2000 ad oggi per esplosioni in impianti pirotecnici



Ancora un gravissimo incidente in Italia che vede coinvolta una fabbrica di fuochi d’artificio. Lo denuncia il Codacons, intervenendo sul caso dell’esplosione registrata oggi Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.
Il bilancio provvisorio dell’incidente (al momento di tre morti e due dispersi) porta a 68 il numero totale di vittime registrate in Italia dal 2000 ad oggi a causa di esplosioni nelle fabbriche di fuochi d’artificio – spiega l’associazione – Una vera e propria strage che riporta la questione della sicurezza in primo piano.

SERVONO PIU’ SICUREZZA E PIU’ CONTROLLI

“Servono più controlli presso tali strutture e occorre verificare costantemente il rispetto delle norme di sicurezza – afferma il presidente Carlo Rienzi – La magistratura dovrà accertare se vi siano state omissioni sul fronte della sicurezza e negligenze da parte di chi aveva il compito di garantire il rispetto delle norme”.
Di seguito gli incidenti mortali registrati in Italia dal 2000 ad oggi a causa di esplosioni nelle fabbriche di fuochi d’artificio:

ECCO LA LUNGA SCIA DI SANGUE REGISTRATA IN ITALIA NEGLI ULTIMI ANNI

09 NOVEMBRE 2018 due morti e due feriti nell’esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio ad Arnesano, in provincia di Lecce

20 OTTOBRE 2017 San Severo, in provincia di Foggia, morto 1 operaio

24 LUGLIO 2015 Modugno sette morti e quattro feriti

13 MAGGIO 2015 Tre morti e quattro feriti nell’esplosione della fabbrica “Pirotecnica dei fratelli Schiattarella”, nell’hinterland a nord di Napoli.

24 DICEMBRE 2014 Un morto nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’artificio a Pizzoni, nel vibonese.

9 LUGLIO 2014 Esplode fabbrica a Tagliacozzo: 3 morti

– 25 LUGLIO 2013: violentissima esplosione in una fabbrica di fuochi pirotecnici a Villa Cipressi di Città S. Angelo (Pe). Cinque le vittime, tra le quali Maurizio Berardinucci, il vigile del fuoco del comando provinciale di Pescara, intervenuto per portare soccorso.

12 SETTEMBRE 2011: Strage ad Arpino in provincia di Frosinone: sei vittime.

2 FEBBRAIO 2011: esplosione di una fabbrica di fuochi artificiali a San Giovanni di Ceppaloni, Benevento: 1 morto.

10 GENNAIO 2011: Esplosione in una fabbrica di fuochi d’ artificio a Santa Venerina, nel catanese. Due persone sono morte.

6 FEBBRAIO 2008: quattro persone muoiono nell’esplosione nella fabbrica di fuochi d’ artificio di Castiglione in Teverina, in provincia di Viterbo.

9 AGOSTO 2007: Cerchio (L’Aquila): Muore il figlio del titolare di una fabbrica di fuochi pirotecnici.

11 MAGGIO 2007: un lavoratore muore nell’esplosione che distrugge la fabbrica di fuochi d’ artificio alla periferia di Piane di Montegiorgio (Fermo).

23 APRILE 2007: Una fabbrica di fuochi d’ artificio esplode in via Mandrio, a Gragnano, nel napoletano. Tre le vittime.

24 MAGGIO 2006: A Mercato San Severino, in provincia di Salerno, due operai muoiono nell’esplosione di una fabbrica di giochi pirotecnici.

6 AGOSTO 2005: Tre operaie muoiono nella deflagrazione di una fabbrica di fuochi d’ artificio a Ottaviano, nel napoletano.

19 LUGLIO 2005: Nel salernitano, a Teggiano, salta in aria una fabbrica di fuochi d’ artificio . Il bilancio è di due morti.

5 LUGLIO 2004: Cinque vittime nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’ artificio a Giugliano, nel napoletano.

30 AGOSTO 2002: Eslosione a Visciano, nel napoletano. Nello scoppio muoiono tre persone mentre altre tre restano ferite.

2 MAGGIO 2002: A Terzigno, in provincia di Napoli, salta in aria una fabbrica di giochi pirotecnici. Tre i morti.

23 NOVEMBRE 2001: Quattro persone rimangono uccise nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’ artificio a Terricciola, in provincia di Pisa.

18 MAGGIO 2000: Una fabbrica di fuochi d’ artificio esplode a Veroli, in provincia di Frosinone . Tre persone rimangono uccise.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.