Ex Ilva, Cremaschi (Potere al Popolo): “Questo è un Paese che fa cazzate da 30 anni”



Giorgio Cremaschi, portavoce di Potere al Popolo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul movimento delle sardine

“E’ un po’ come la stagione dei girotondi che aveva un elemento positivo di partecipazione popolare e che è finita in un disastro perché finita in mano alla vecchia classe politica della sinistra, brutta senz’anima –ha affermato Cremaschi-. Ovviamente è positivo che le persone decidano di partecipare. Purtroppo però non c’è rapporto tra loro e la rappresentanza politica in Emilia. Bonaccini ha detto che lui non c’entra niente col centrosinistra e che è per l’autonomia differenziata come Fontana e Zaia e che lui ha la stessa politica di amministrazione della Lega. Siamo in un Paese che ha spesso mobilitazioni buone come quella di Fridays for future, e poi adesso stiamo discutendo dell’immunità penale per gli avvelenatori all’Ilva”. 

Sull’Ex Ilva

“Lo scudo penale non va dato. Allora se uno investe in un luogo ad alta concentrazione mafiosa deve avere lo scudo penale per la mafia? Questo Paese sta andando male per tutta la sua classe politica, anche i dirigenti dei sindacati hanno grandi responsabilità, hanno accettato un modello distruttivo e ne sono complici. Il sostegno dei sindacati ad Arcelor Mittal è vergognoso, non si può ridurre il sindacato al ruolo di lobby dell’aziendalismo. I 10mila operai devono essere salvati dallo Stato coi soldi pubblici, per fare produzioni industriali, per fare acciaio con altri metodi produttivi. Un Paese serio fa un enorme piano di sviluppo e riconversione. Questo è un Paese che fa cazzate da 30 anni, crede da 30 anni a cazzate e continua  a fare cazzate. Sono tutti responsabili di subalternità totale nei confronti del mercato, delle multinazionali, dei padroni del vapore”.

Centrosinistra non vuole elezioni perché altrimenti vince Salvini

“Mi pare una forma di suicidio. Noi alle elezioni ci andremmo perché questo governo non esiste. E comunque non si può non andare alle elezioni perché qualcun altro vinca. Questo è un assist a Salvini. Se avessimo votato a settembre Salvini non avrebbe preso tutti i voti che invece purtroppo prenderà”.

Sul muro di Berlino

“Dopo che è crollato quel muro lì, che ovviamente era un muro inaccettabile, sono stati costruiti nel mondo una marea di muri. Doveva essere l’ultimo muro e ce ne sono molti di più, doveva essere la vittoria della democrazia invece è stata la vittoria del capitalismo più stupido e selvaggio”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12212 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.