A Padova “Scuole aperte … al futuro”



Prende avvio in questi giorni il progetto finanziato dalla Fondazione Cariparo e realizzato dagli Istituti comprensivi del Comune di Padova in rete con l’Assessorato alle politiche educative e scolastiche.

Un progetto ampio

Il progetto contempla l’apertura delle strutture scolastiche del primo ciclo di istruzione in orario extrascolastico, con l’intento di farle diventare presìdi culturali e luoghi di socializzazione per tutta la comunità, dove vengono promossi l’inclusione e il superamento delle discriminazioni, punto di riferimento per bambini e bambine e per le loro famiglie, anche al di fuori dell’attività prettamente scolastica, un centro di aggregazione per il quartiere, una struttura al servizio della cittadinanza.

Fondazione Cariparo

“Ringrazio Fondazione Cariparo che ha creduto fin da subito in questo progetto, finanziandolo completamente – sottolinea l’assessore alle politiche educative Cristina Piva – Questo progetto permette un vero e proprio salto qualitativo nella nostra offerta scolastica, dando alla scuola quel ruolo di crescita e inclusione sociale e culturale che è la sua missione più significativa e profonda. La formazione dei futuri cittadini parte proprio dalla scuola ed è particolarmente significativo che queste attività, che si aggiungono e non sostituiscono la consueta attività didattica, siano state individuate con un percorso condiviso tra scuola, famiglie e quartieri. Finalmente le scuole diventano dei luoghi di aggregazione e crescita culturale che coinvolgono non solo gli alunni ma tutti i cittadini dei rioni interessati”.

Un progetto educativo

Il progetto, rivolto alle scuole degli Istituti comprensivi del comune di Padova, prevede attività educative, didattiche, sportive, espressive, ludiche, artistiche e culturali e, in generale, iniziative di aggregazione sociale. Le azioni sono state individuate a partire dai bisogni espressi dalle scuole, dalle famiglie e dal territorio e sono il frutto di una co-progettazione che ha coinvolto l’Ente locale e i dirigenti/docenti di dodici Istituti comprensivi di Padova, che complessivamente accolgono oltre 12 mila alunni.

Agli Istituti scolastici compete l’organizzazione e il coordinamento delle iniziative e dei laboratori, che saranno realizzati da soggetti esterni o utilizzando risorse interne alla scuola. Al Comune compete l’azione di sostegno, supporto e pubblicizzazione/comunicazione dell’iniziativa, oltre ad un costante lavoro di monitoraggio e valutazione del progetto da effettuarsi con le istituzioni scolastiche e i soggetti attuatori. Con l’intento di dare continuità alle azioni progettuali, la realizzazione delle attività prevede una programmazione triennale che si sviluppa in tre anni scolastici: 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022.

L’apertura delle scuole in orario extrascolastico vuole, inoltre, supportare e sostenere le famiglie nell’educazione dei figli, consentendo ai genitori di conciliare gli impegni di lavoro con la vita famigliare nei periodi e negli orari di chiusura delle scuole. La scuola e la comunità locale, affiancando le famiglie nella crescita dei figli, dovrebbero concorrere alla costruzione di un progetto di vita lungimirante, che nell’interesse di bambini/e e di ragazzi/e deve essere orientato al futuro e mirare allo sviluppo di quelle attitudini mentali, che consentono all’individuo di affrontare la realtà e la complessità delle situazioni.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22316 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.