Torino, Confesercenti: “Sì a limiti al contante e incremento dei pagamenti elettronici”



Azzerare le commissioni per i commercianti

A proposito delle ipotesi di provvedimenti su contanti e pagamenti elettronici, il presidente di Confesercenti, Giancarlo Banchieri, dichiara: “Limitare a mille euro i pagamenti in contanti e favorire l’uso di carte elettroniche sono obiettivi importanti e condivisibili, ma ciò non deve danneggiare i commercianti. Per questo proponiamo che – almeno per i pagamenti fino a mille euro – siano azzerate le commissioni bancarie”.

Misure e incentivi

“Si tratta di una misura che favorisce i pagamenti elettronici, senza danneggiare gli operatori. Si potrebbe immaginare una progressiva riduzione delle commissioni per arrivare a un loro azzeramento in tempi ragionevolmente brevi. Ma almeno per alcune categorie, l’eliminazione dovrebbe essere immediata: mi riferisco in particolare a tabaccai e benzinai che vendono prodotti ‘costosi’ per i consumatori, ma ‘poveri’ in quanto a ricavo del commerciante e sui quali, quindi, la commissione pesa particolarmente: su un litro di benzina il ricavo del gestore è fra i 3 e i 5 centesimi al litro, a seconda delle modalità di erogazione, ma la commissione viene invece calcolata sull’intero costo; una cosa analoga avviene per i tabaccai con le sigarette. Un stortura che va corretta, se si vuole che qualsiasi provvedimento sui pagamenti elettronici abbia successo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23879 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.