Inflazione giugno: l’Istat abbassa le stime allo 0,7%



Inflazione in picchiata a giugno. Lo afferma il Codacons, commentando le stime dell’Istat che vedono i prezzi scendere allo 0,7% nello scorso mese.
“La frenata dell’inflazione è da attribuire alla crisi dei consumi che sta caratterizzando il nostro paese – spiega il presidente Carlo Rienzi – Le famiglie non comprano e hanno iniziato a tagliare anche su beni primari come gli alimentari; una situazione che si ripercuote in modo diretto sui listini al dettaglio, che crescono appena del +0,1% su mese e frenano al +0,7% su anno. Nemmeno i saldi di fine stagione, partiti in tutta Italia lo scorso 6 luglio, stanno aiutando il commercio, e le vendite risultano al di sotto delle aspettative in tutto il paese”.
“Il tasso d’inflazione, tuttavia, è destinato a crescere a luglio, per effetto dei rincari della luce scattati a inizio mese, dei ritocchi delle tariffe telefoniche ma, soprattutto, per l’aumento di prezzi e tariffe nel comparto dei trasporti e del turismo – dagli stabilimenti balneari alle strutture ricettive – settori che in virtù di fattori stagionali rivedono al rialzo i listini tra luglio ed agosto” – aggiunge Rienzi.
Per effetto della frenata dell’inflazione allo 0,7% la maggiore spesa su base annua scende a +284 euro per un nucleo con due figli, e +216 euro per la famiglia “tipo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23880 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.