Amatrice, Fontanella: “Basta polemiche, si torna al lavoro”

Foto di repertorio



“Purtroppo dobbiamo constatare che a distanza di cinque giorni dall’esito delle elezioni amministrative, il Sindaco uscente continua a proporre interviste a vari organi di stampa invocando presunte irregolarità. A tal proposito si evidenzia che l’invocato ‘scandalo’  sarebbe costituito da una mancata corrispondenza tra il numero delle schede votate e il numero dei votanti effettivi. In realtà si tratta di due schede regolarmente vidimate e votate, di cui non risulta la registrazione.

È del tutto evidente che si è trattato di un semplice errore da parte dei componenti del seggio elettorale, che tuttavia non inficia l’esito del voto in quanto la differenza tra i voti riportati dalla lista vincente e quelli ottenuti dalla lista che faceva capo al Sindaco uscente, è di 18 voti. Si fa osservare che le due schede votate da elettori non registrati potrebbero essere da attribuirsi alla lista vincente o a quella sconfitta, o addirittura a schede bianche o nulle.

Comunque siano state votate, il risultato della volontà popolare non sarebbe inficiato. Sarebbe opportuno che, invece di continuare ad agitare gli animi con argomentazioni pretestuose, ci si adoperasse per affrontare tutti insieme le numerose problematiche che riguardano il nostro territorio. Da parte nostra si rinnova l’appello a considerare la competizione elettorale chiusa e quindi a prendere coscienza che la rinascita di Amatrice e dei suoi borghi rurali è un impegno di tutti, maggioranza e minoranza”.

Lo dichiara in una nota il Sindaco di Amatrice Antonio Fontanella.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.