Di Pietro: “Carige? Invertendo l’ordine degli addendi la somma non cambia. “

antonio Di Pietro



Antonio Di Pietro è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. 

Sul salvataggio di Banca Carige

“Invertendo l’ordine degli addendi la somma non cambia –ha affermato Di Pietro-. Man mano che si evidenziano delle emergenze, questo governo deve fare come il precedente. C’è bisogno di salvare i risparmiatori delle banche, è giusto che il governo lo faccia. Forse è il caso che chi sta al governo non metta due giacchette: quella dell’opposizione e quella del governo. I 5 Stelle appoggiano i gilet gialli, ma quelli contrastano chi sta al governo, i 5 Stelle invece stanno al governo e non sono quelli che giudicano, sono quelli che devono essere giudicati, devono rendere conto di quello che fanno. Il fatto che abbiano fatto questo intervento sulla banca Carige è corretto e doveroso, quello che non è corretto è sparare a zero sul governo quando stai all’opposizione. Chi fa opposizione non dovrebbe farla a prescindere, ma guardare quello che è giusto e quello che non è giusto. Ad esempio io il decreto corruzione l’avrei votato”.

Sul caso Sea Watch

“Sul piano prettamente tecnico legislativo sono due le questioni: il codice della navigazione prevede che chi decide se una nave deve entrare o no in un porto è il ministero delle infrastrutture, il ministro dell’interno decide invece se i passeggeri devono scendere o no. Toninelli potrebbe dire: attracchino pure a Palermo, in attesa che in Europa si mettano d’accordo. Se ci scappa il morto poi succede il finimondo. Ogni giorno deve partire qualcuno a dargli da mangiare, se invece li fai attraccare puoi dare assistenza in condizioni di sicurezza e spendendo molto meno. Anche l’autorità portuale potrebbe decidere autonomamente, non c’è bisogno della firma del ministro”.

Riguardo lo scontro tra sindaci e governo sul dl sicurezza

“Dal punto di vista umano e politico capisco il problema di coscienza dei sindaci –ha dichiarato Di Pietro-. Però io sono per il principio ‘dura lex sed lex’. Se non ti piace una legge da cittadino e da politico ti opponi, ma da amministratore devi applicarla, se no ogni mattina si alza uno e dice che viola la legge perché non gli piace. Il sindaco ha tutto il diritto di avere un’obiezione di coscienza, ma in quel caso si dimette lui non è che può rifiutarsi di applicare la legge”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 11984 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.