Ladispoli, gli alunni della C. Meloni vincono il braccio di ferro con il Comune



Il Movimento 5 Stelle Ladispoli si esprime riguardo la risposta del sindaco di Ladispoli
riguardo lo spostamento dei locali mensa, dal Centro Polifunzionale a spazi interni alla
scuola C. Melone.

La nota stampa

Ieri sera, 26 settembre, rispondendo ad una nostra interrogazione, il Sindaco ha chiarito in modo
definitivo alcuni aspetti riguardo lo spostamento dei locali mensa, dal Centro Polifunzionale a
spazi interni alla scuola C. Melone.

Iniziamo con la buona notizia, a prestar fede alle affermazioni fatte dal Sindaco in Consiglio
comunale, l’amministrazione ha raggiunto la consapevolezza di aver fatto un errore di valutazione
riguardo il dimensionamento dei locali ad uso refettorio interni alla scuola. Con quelli attualmente
proposti i bambini della C. Meloni sarebbero costretti ad usare la mensa divisi in 5 turni, iniziando
dalle 11.30, quasi a ridosso della merenda di metà mattina, per finire con l’ultimo scaglione che
andrebbe a pranzo dopo le 14 e terminerebbe il pasto giusto in tempo per l’orario di uscita.

Il Sindaco ha dichiarato che è intenzione dell’amministrazione trovare nuovi spazi da adibire a
refettorio in modo consentire la formazione di soli tre turni per i pasti. Fino a quel momento,
ha affermato il Sindaco, gli alunni continueranno ad utilizzare gli spazi del Centro Polifunzionale.
Questo risultato è stato ottenuto dalla ferma presa di posizione dei genitori degli alunni,
complimenti.

Una persona maliziosa potrebbe, tuttavia, argomentare che in poco meno di un anno più volte
il Sindaco non ha dato seguito alle sue stesse parole. È accaduto con i locali ad uso civico della
speculazione “Vistamar”, che sarebbero dovuti essere consegnati, pronti per l’utilizzo, prima che
fosse consentita la vendita della parte residenziale. Ad oggi le palazzine sono, legittimamente
abitate, ma la contropartita ancora non è stata consegnata al Comune. Non ha tenuto fede alle
sue affermazioni quando ha dato per prossima la nuova piscina comunale che avrebbe dovuto
compensare la realizzazione dell’altra speculazione edilizia, “Piazza Grande”.

Ad oggi la piscina si è trasformata in un, probabilmente meno impegnativo, palazzetto dello sport
ma non è sicuro che il camaleontico impianto abbia trovato la forma definitiva. E ieri sera il Sindaco approvando la mozione che colloca nei sopracitati locali di Via Vilnius il cosiddetto “Polo per la Sicurezza” è riuscito a non tener fede neanche alla parola data alle associazioni cittadine che li avrebbero dovuto trovare sede.

Noi, nonostante tutto, vogliamo credere che il Sindaco intenda, almeno per il caso mensa, rimanere fedele alle proprie affermazioni. Buon pranzo ragazzi.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.