Investimenti pubblici: in Italia solo 2% del PIL, ultima in UE



Al 31 marzo 2018 si contano 830.557 imprese delle Costruzioni, di cui oltre la metà (59,7%) sono artigiane, pari a 495.857 imprese. Le Costruzioni rappresentano il 13,7% del totale imprese, quota che sale al 37,7% nel caso dell’artigianato. Gli addetti del settore sono 1.323.972 e oltre la metà (54,5%), pari a 721.422 addetti, lavorano in imprese artigiane.

Nonostante quello delle Costruzioni sia il settore più colpito dalla crisi e quello più in ritardo nella ripresa, segnale positivo proviene dalla fiducia delle imprese che si colloca vicino al livello massimo toccato lo scorso aprile.

Debole il trend della produzione, che è pari a 166,2 miliardi di euro ed è generata per tre quarti (73,1%) dal rinnovo del patrimonio immobiliare esistente e per il restante quarto (25,9%) da nuove costruzioni. Nei primi quattro mesi del 2018 la produzione delle Costruzioni – corretta per gli effetti di calendario – in Italia cresce dello 0,6%, dinamica inferiore al +4,1% della Spagna e al +3,5% della Germania e superiore rispetto al -0,8% della Francia.

Anche la crescita del valore aggiunto delle Costruzioni in Italia appare debole, evidenziando un aumento dell’1,3% negli ultimi quattro trimestri, mentre nell’Eurozona cresce a velocità tripla (+3,6%).

L’attuale fase di ripresa è trainata dagli investimenti, ma quelli in costruzioni risultano meno dinamici. Negli ultimi quattro trimestri (tra II trimestre 2017 ed il I trimestre 2018) il PIL in volume, corretto per gli effetti di calendario e relativo cresce dell’1,5%, con un +4,6% delle esportazioni ed un +4,4% degli investimenti fissi lordi, combinazione di +6,9% degli investimenti diversi da costruzioni, influenzati positivamente da Industria 4.0, e del più contenuto +1,6% degli investimenti in costruzioni; più dinamica la voce relativa alle abitazioni che cresce del 2,1% a fronte del +0,9% degli altri fabbricati.

In particolare,  nel 2017 crescono del 6,9%: prosegue invece il calo degli investimenti pubblici (-5,6%) che pesano per il 2,0% sul PIL, valore di minimo storico e previsto stabile nel 2018, con l’Italia all’ultimo posto in Ue (0,8 punti percentuali al di sotto della media Ue a 28 del 2,8% di PIL).

L’impatto negativo sulle Costruzioni generato dalla crisi del mercato immobiliare ed il crollo della domanda privata avrebbero potuto essere mitigati da maggiori investimenti pubblici:  se tra il 2010 ed il 2017 si fosse mantenuta una incidenza sul PIL degli investimenti pubblici in Costruzioni pari alla media del quinquennio 2005-2009, nel 2017 si sarebbero registrati 120 mila occupati in più nel settore dell’Edilizia ed installazione di impianti e il calo degli occupati registrato dal settore (-501 mila unità) si sarebbe ridotto del 24%.

I più recenti dati di cassa del settore pubblico non sono incoraggianti: nel I trimestre del 2018 i pagamenti per investimenti fissi lordi diminuiscono del 12,7% in controtendenza rispetto al +2,8% di un anno prima. Un segnale positivo proviene invece dalla dinamica dei contratti pubblici per lavori, diversi da forniture e servizi e con importo superiore ai 40 mila euro, che rappresenta un indicatore anticipatore della spesa: nel 2017 il numero delle procedure di affidamento aumenta dell’11,0% ed il relativo importo sale del +12,5%.

Ulteriori approfondimenti sul settore delle Costruzioni sono condotti nel report “Edilizia: check point estate 2018 anticipazioni Rapporto 2018” presentata all’Assemblea di Anaepa-Confartigianato Edilizia di sabato scorso.

I dati territoriali relativi alle Costruzioni riguardanti ad imprese attive totali e artigiane, valore aggiunto e compravendite residenziali e non residenziali sono disponibili nell’Appendice statistica “Imprese, artigianato nelle Costruzioni e il trend delle compravendite nel territorio“.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13147 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.