Risparmiare energia a casa si può, dalla scelta del fornitore ai piccoli accorgimenti

Risparmiare energia a casa si può, dalla scelta del fornitore ai piccoli accorgimenti



Le famiglie italiane sanno che la gestione della propria casa comporta dei costi. Spesso questi costi vengono “gonfiati” dalle spese contenute dalle bollette energetiche. Non a caso, l’energia figura nella lista delle spese mensili più ampie per una famiglia. Qual è l’impatto vi starete chiedendo? Si parla di circa 500 euro annui che possono ovviamente oscillare in base al fornitore energetico scelto. Nel conteggio si tiene conto di un nucleo familiare composto da 3 o 4 componenti, dunque una situazione che riguarda tantissime famiglie italiane. Di conseguenza, soprattutto di questi tempi, la necessità è di risparmiare dove si può e abbassare le cifre spese per l’energia. Per farlo bisogna ricorrere ad una serie di consigli utili per concretizzare il risparmio energetico e in questo articolo vedremo come fare, dalla scelta dei fornitori ai piccoli accorgimenti da prendere.

Come scegliere il fornitore e come leggere la bolletta

Il primo passo per risparmiare sull’energia elettrica è scegliere un fornitore più economico di quello attuale. Prima non sarebbe stato possibile per via delle scarsissime oscillazioni in termini di tariffe. Per fortuna, il mercato tutelato va verso la sua sostituzione con il mercato libero. Infatti, alcuni operatori di energia elettrica che agiscono in questo mercato come ad esempio il servizio lanciato dalla Coop  consentono di accedere a prezzi più bassi e a opzioni più versatili. In sintesi, permettono di risparmiare in due modi: grazie a prezzi più accessibili e grazie alla possibilità di scegliere una fra le tante opzioni tariffarie a disposizione. Il secondo consiglio, invece, riguarda propriamente le bollette: emerge la necessità di imparare come leggerle correttamente. Il tutto per prendere visione dei cosiddetti costi nascosti che possono incidere fino al 19% delle spese. Come fare? Le voci da ricercare nella bolletta sono la A2, la A3 e la A5: le altre voci di costo accessorie, invece, vengono incluse nella voce UC4.

Come risparmiare sul consumo energetico in casa?

Per prima cosa si deve comprendere l’impatto della luce elettrica in bolletta, superiore al 13% delle spese complessive. Dunque bisogna intervenire in primis su questa voce, magari rimpiazzando le vecchie lampadine con quelle a LED ed evitando di usarne troppe. Meglio installare poche lampade piuttosto che molte lampadine. Un altro suggerimento è il seguente: intervenire sugli elettrodomestici, veri e propri “dispersori” di energia. Conviene sempre acquistare quelli di ultima generazione e con classe energetica superiore ad A+ in modo da risparmiare parecchio sui consumi. I suddetti vanno anche usati in modo intelligente ad esempio la lavatrice andrebbe sempre usata a pieno carico e andrebbero usati coerentemente con le fasce orarie previste dal proprio contratto di fornitura energetica. Altri consigli utili? Cercate di non lasciare mai accese le lampade quando non servono ed evitate sempre lo stand by dei dispositivi. Meglio staccare direttamente la spina.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



1 Commento

  1. Per risparmiare energia si può optare per tante soluzioni. Una spesso non considerata è quella dell’isolamento termico della propria abitazione… minimizzare le dispersioni termiche con un intervento di insufflaggio delle intercapedini, ad esempio, permette di risparmiare dagli 1 ai 4 gradi centigradi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.