Parma, parchi e verde pubblico

Parma, parchi e verde pubblico



La qualità del verde urbano è un indicatore fondamentale della qualità della vita di una città: andiamo dunque alla scoperta delle maggiori aree verdi di Parma, rese negli ultimi anni quanto più possibile accessibili, vivibili e piacevoli.

Quando si parla della qualità della vita in una città, uno dei fattori principali è sicuramente la quantità e la qualità del verde pubblico, che incide fortemente anche sulla qualità dell’aria che si respira nel centro urbano. Parchi pubblici, viali alberati, orti botanici e anche giardini privati svolgono una funzione fondamentale e insostituibile in ogni comune, caratterizzando positivamente la città sia dal punto di vista ambientale, che da quello estetico.

Il recente aggravarsi del problema del consumo di suolo ha, negli ultimi anni, accresciuto fortemente l’attenzione verso il verde urbano, portando molti comuni a promuovere iniziative volte alla crescita della qualità, ma anche della fruibilità delle zone verdi cittadini, per renderle più accessibili, vivibili e piacevoli. Tra i comuni più attivi nell’arginare questo problema c’è anche Parma, comune da sempre attento alle necessità e ai bisogni dei propri cittadini, nel cui tessuto urbano gli spazi occupati da parchi e giardini pubblici sono molti, ampi e ben disposti. Intervenendo con attenzione per apportare numerose migliorie al proprio verde urbano, l’Amministrazione comunale ha dato prova di coerenza e lungimiranza e, ponendo come obiettivo primario il benessere della propria cittadinanza, ha migliorato gli spazi pubblici per renderli più appetibili e fruibili per i parmigiani, ma anche per chi ha intenzione di acquistare casa in città.

Entriamo dunque a Parma per scoprire quali siano i più grandi, frequentati e importanti parchi pubblici in città.

Principali parchi pubblici di Parma.

Parco Ducale: quello che i parmigiani chiamano “il giardino”, è l’area verde più estesa dell’intero comune che, nel quartiere Oltretorrente, si estende per oltre 200.000 metri quadrati. Parco ultrasecolare costruito nel lontano 1561 per volere del duca Ottavio Farnese, viene aperto al pubblico dopo l’Unità d’Italia, dopo essere diventato proprietà del comune. Anche dopo la massiccia ristrutturazione dei primi anni 2000, nel Parco Ducale è rimasto il parco più frequentato dagli abitanti di Parma, dove è possibile immergersi nella storia ed è decisamente piacevole passeggiare o fare jogging lungo i suoi 3,2 km di viali alberati.
Aperto tutti i giorni dalle 6 alle 24.

Parco Cittadella: i suoi 120.000 metri quadrati ne fanno il secondo parco pubblico più esteso di Parma, che occupa l’omonimo quartiere a Sud del Centro Storico e gli spazi e parte del fossato dell’antica fortezza pentagonale risalente alla fine del 1500, edificata per volere del duca Alessandro Farnese. Possiede due ingressi: magnifico è quello principale, che si affaccia verso il Centro e caratterizzato da una facciata monumentale in marmo di Carrara, mentre il secondario, detto anche “Porta del Soccorso” è provvisto di ben 5 baluardi. Parco Cittadella è oggi molto frequentato perché provvisto di campi sportivi, pista podistica, aree attrezzate per bimbi e numerose aree verdi per il relax. Al suo interno si trovano anche un bar, un’area riservata ai cani ed una fontana.
Aperto tutti i giorni dalle 7 alle 21.

Giardini San Paolo: questo piccolo parco si trova nella parte più monumentale del Centro Storico di Parma, a pochi passi da Piazzale della Pace e piazza Garibaldi, all’interno delle mura dell’antico monastero di San Paolo. I Giardini costituiscono un’oasi di pace e verde, poco frequentata, accessibile sia direttamente dalla strada, che attraverso la biblioteca Guanda: al suo interno si possono trovare anche una fontana, una grotta, un gazebo ed un piccolo circuito per trenino.
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 20.

Giardino di Piazzale della Pace: grande giardino a prato, situato in pieno centro storico, fra il complesso monumentale dei palazzi limitrofi. Fu realizzato alla fine degli anni novanta al termine di numerose vicissitudini che ne ritardarono per decenni la sistemazione. Oggi l’area si presenta come un vasto prato all’inglese, sviluppato attorno al monumento a Giuseppe Verdi ed al monumento al Partigiano, con piante ad alto fusto ed una fontana a vasca, costituendo uno dei luoghi di ritrovo e di relax più frequentati, soprattutto dai giovani.
Sempre aperto.

Parchi Falcone-Borsellino e I° Maggio (ex Eridania): queste due aree verdi contigue si estendo, rispettivamente, per 75.000 e quasi 47.000 metri quadrati, sono situate al margine Nord-Est del Centro Storico di Parma. Il primo è caratterizzato da ampi spazi a prati, attraversati da una fitta rete di sentieri, con un’area dedicata ai giochi per i bimbi, panchine e tavoli di legno, una fontana ed un’area par cani. Il Parco I° Maggio, invece, è noto per l’Auditorium Niccolò Paganini progettato nel 2001 dall’architetto Renzo Piano, circondato da alberi e panchine: si distingue inoltre anche per le lunghe vasche d’acqua che, restaurate di recente, sono oggi riempite di ninfee e affiancate da passerelle di legno.
Il Parco Falcone Borsellino è sempre aperto, mentre Parco I° Maggio apre in inverno tutti i giorni dalle 8 alle 20 e in estate dalle 6 alle 24.

Parco Ferrari: grande parco cittadino che si estende su una superficie di oltre 93.000 metri quadrati, è attraversato da una lunga pista ciclabile costeggiata da panchine. Vi si trovano anche un’area gioco per i bimbi, un chiosco bar, campi sportivi, un’area dedicata ai cani e il Parco Giochi Ludobimbo, dotato di ampi spazi attrezzati ed una pista per moto-quad elettrici.
Il parco è aperto tutti i giorni. Ludobimbo solo ai seguenti orari: in inverno dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 20; sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 20. D’estate, invece è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 20.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 13065 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.