Ostia, rapinavano negozi e passanti: 5 arresti da parte della Polizia

polizia ostia lido



Nella mattinata odierna, personale del Commissariato Ostia Lido ha eseguito
cinque ordinanze di applicazione di misura cautelare personale emesse dal
Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale per i Minorenni di
Roma, a carico di 5 indagati, tutti minorenni.

Per tre di loro – un 17enne e due 15enni – è stata disposta la misura del
collocamento in comunità, mentre per altri due – entrambi di 15 anni – è
stata disposta la misura della permanenza in casa.

I cinque indagati dovranno rispondere, a vario titolo e per più episodi reiterati,
di rapina in concorso, aggravata dall’uso di arma impropria e da più persone
riunite; di tentata rapina e lesioni personali in concorso; di furto aggravato in
concorso; di furto con destrezza in concorso; di minaccia aggravata dall’uso di
arma da taglio e di arma impropria.

Le indagini ad Ostia

Gli elementi posti a fondamento della misura cautelare sono emersi dalle indagini
svolte dagli investigatori del Commissariato “Lido” a seguito dell’intervento
effettuato, il 7 gennaio scorso, da una volante in una via di Acilia, dove un gruppo
di giovani aveva razziato due distinti esercizi commerciali appartenenti a famiglie
bengalesi, danneggiando, tra l’altro, i reparti ortofrutta di entrambe le attività
commerciali.

Nell’occasione, uno degli autori, nel darsi alla fuga, aveva strappato il telefono
cellulare dalle mani di una passante che stava riprendendo i fatti ma poi, nella
concitazione, aveva perso il proprio apparecchio telefonico, consentendo agli
agenti di risalire alla sua identità.

Gli accertamenti successivi

I successivi accertamenti hanno consentito di chiarire il “modus operandi”.

In particolare, mentre alcuni di loro trafugavano merce dai negozi presi di mira,
i loro complici rimanevano all’esterno, lanciando con violenza ortaggi e bottiglie
di vetro verso avventori e commessi per non farli avvicinare.

Sentite le vittime, si apprendeva che lo stesso gruppo di giovani era solito agire
nella maniera descritta, avendo commesso saccheggi e violenze in loro danno,
anche il 2 e il 3 gennaio: in quest’ultima occasione, il titolare di una delle attività
prese di mira veniva minacciato da un giovane che impugnava un tondino di ferro.

La “banda” di giovani, il successivo giorno 9, tornava a razziare uno dei due esercizi
già colpiti, minacciando, nella circostanza, il titolare con un coltello; nell’occasione,
le condotte tenute dal gruppo venivano riprese dall’impianto di videosorveglianza
del negozio.

Inoltre, il giorno 8, in una piazza di Acilia, due appartenenti alla stessa banda
giovanile, questa volta con un nuovo complice, tentavano di rapinare un giovane,
fermo per strada, della somma di 5 euro, picchiandolo e non riuscendo nel loro
intento grazie all’intervento di un passante.

Gli elementi raccolti sono stati inoltrati all’autorità giudiziaria che, concordando con le risultanze investigative, hanno portato all’emissione del provvedimento eseguito nella mattinata odierna.

Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 5665 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.