Acerbo: “No al nuovo testo unico forestale voluto dal Pd”



«Mi unisco all’appello sottoscritto da più di 200 docenti e ricercatori universitari contro il nuovo Testo unico forestale predisposto dal governo PD e dal ministro Martina- dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, candidato di Potere al popolo -. Ancora una volta prevale la logica del saccheggio dei beni comuni spacciata per “valorizzazione socioeconomica”.
Ancora una volta, per legittimare un’operazione che cancella tutele di un patrimonio naturalistico di enorme valore, un ministro neoliberista definisce i nostri boschi una “risorsa”. Come lavoratrici e lavoratori, come il territorio e il paesaggio, come il patrimonio pubblico, anche gli alberi dei nostri dodici milioni di ettari di boschi diventano “risorsa” da sfruttare per fare affari senza più tutele.
Si comprende ora meglio anche la motivazione dello scioglimento del Corpo Forestale dello Stato che aveva il compito del controllo e delle autorizzazioni sui tagli. Ora gli operatori economici potranno bussare alle porte di comuni senza soldi per chiedere di fare strage di un patrimonio secolare.
Contro questa barbarie bisogna mobilitarsi. Il Presidente della Repubblica ascolti l’appello che viene da tutti gli esperti e fermi questo scempio».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21894 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.