Tragedia Pioltello: c’è poco da essere fieri nel dire che siamo italiani



L’Italia è quella nazione dove il lavoro oltre ad essere sempre più precario, diventa anche un pericolo per la propria incolumità.

Mamma aiuto, il treno sta deragliando…”, sono le parole di Giuseppina, donna che a 39 anni ha perso la vita nell’incidente ferroviario di Pioltello. Incidente che ha provocato la morte di 3 donne e il ferimento di 46 persone.

Secondo le prime ricostruzioni ad aver causato la tragedia sarebbe stato il cedimento di un pezzo di binario di 23 centimetri; in quel punto le carrozze sarebbero uscite fuori dai binari, con il convoglio a continuare la marcia finché uno dei vagoni ha colpito un palo.

Pochi giorni fa Legambiente ha diramato il rapporto “Pendolaria 2017” sullo stato dei convogli e binari in Italia. La Cremona-Milano, quella dell’incidente, con oltre 10 mila pendolari quotidiani, ha treni lenti e sovraffollati, dall’età media di 17 anni. In Pendolaria 2017 si evidenzia come in Lombardia i convogli, su alcune tratte, versano in condizioni inaccettabili. Che dice in merito colui che urlava “Mamma che puzza scappano li cani, stanno arrivando i napoletani”?.

 

Lo stato nazionale delle ferrovie, secondo chi vi scrive, è paradossale; da un lato è possibile raggiungere Milano da Napoli (771 km) in 4 ore e mezzo, ma per percorrere i 181 km che separano Napoli da Pescara, occorrono oltre 7 ore. Quando si fanno i tagli ai trasporti, questi sono i risultati.

 

Alcuni treni fanno letteralmente schifo ed i pendolari oltre ad essere caricati ogni mattina in piedi come animali perché non c’è posto, sono costretti a pagare biglietti sempre più cari, con durate bibliche dei viaggi, anche per distanze minime. Siamo un paese, insomma, che per chi si affida ai mezzi pubblici per andare a lavorare, da europeo diventa africano.

Il sistema ferroviario è molto stressato e invece di investire, si tagliano le linee (vedi l’indecenza fatta con la Circumvesuviana in Campania) e i fondi. Meno risorse significa, conseguentemente, anche meno sicurezza. Strano, perché nel frattempo il debito pubblico aumenta; che fine fanno i soldi pubblici? Gli italiani pagano per dei servizi che fanno sempre più schifo.

Tra malasanità, sicurezza dei trasporti problematica e lavoro precario, c’è poco da essere fieri nel dire che siamo italiani. Giustizia vuole che i responsabili della tragedia di Pioltello finiscano in galera. Speranza vorrebbe che il 4 marzo gli italiani abbiano un sussulto d’orgoglio e mettano fine alla carriera politica di chi ci ha portato a questo stato.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13413 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.