Italiani sempre più social: un giorno intero al mese su Facebook e WhatsApp

italiani sempre più social



Boom di messaggi di auguri. Ancora più netta la percentuale di italiani che hanno scelto i messaggi di Whatsapp per scambiarsi gli auguri: quasi il 90 per cento della popolazione dello Stivale ha optato per questo sistema, perché più “comodo” e meno complicato di telefonate o visite di persona. Molto gettonati anche i “suggerimenti” che sono reperibili online, ad esempio su siti come IdeeGreen, quando si è trattato di scegliere frasi sull’amicizia per augurare “Buon Natale” o “Buon Anno”, mentre un 44 per cento di intervistati ha preferito dare sfogo in maniera libera alla propria creatività, inventando messaggi personali.

L’italiano medio è sempre più social dipendente: è questa la fotografia scattata dall’ultimo aggiornamento trimestrale dell’Osservatorio sulle Comunicazione dell’Agcom, relativo per giunta ai primi nove mesi del 2017 (senza quindi prendere in esame il tradizionale boom delle feste di Natale), che rivela come si passi più di un giorno al mese collegati a piattaforme come Whatsapp e Facebook.

26 ore al mese sui social. In termini pratici, i due social di proprietà di Mark Zuckerberg “intrattengono” gli utenti tricolore per 26 ore, 5 minuti e 8 secondi di media mensile, mentre il tempo medio di navigazione su Google è superiore alle 7 ore al mese. Guardando il numero di iscritti e contatti, invece, Big G vanta il record di 31 milioni di utenti unici al mese, mentre Whatsapp si conferma largamente l’app di messaggistica istantanea preferita in Italia, con oltre 22 milioni di utenti che si scrivono (e mandano foto, video e note vocali) per circa 12 ore al mese singolarmente.

Grandi incrementi per Whatsapp e Google. Tutte queste statistiche sono in forte crescita: il dato di Google è aumentato di 4 milioni di unità di clic da settembre 2015, mentre Whatsapp ha incrementato la sua base utenti di quasi 20 punti percentuali in un solo anno, coinvolgendo nel fenomeno in maniera trasversale tutta la popolazione italiana, sia giovani che anziani. E un concreto esempio di come la tecnologia abbia invaso le nostre vite si è avuto nel corso delle ultime feste di Natale, che sono state all’insegna della “virtualità”.

Tutti online a Natale. Come sottolineato da una indagine della Doxa, infatti, ben 8 italiani su 10 hanno utilizzato dispositivi tecnologici anche durante le giornate di Natale, al punto che il 60 per cento degli intervistati ha “confessato” di aver deciso via chat di Whatsapp il menu delle feste, mentre il 57 per cento ha deciso online i regali da fare e il 21 per cento ha “addirittura” utilizzato i messaggi digitali per far sapere cosa desiderasse ricevere come strenna, trasformando la vecchia letterina a Babbo Natale in una chat!

Le chat Whatsapp hanno conquistato tutti (o quasi). Grande diffusione anche per le chat di Whatsapp, divenute il mezzo preferito per scambiarsi auguri natalizi in maniera più semplice e diretta: a fronte di un 25 per cento di persone che si è dichiarato contrario, tre quarti degli italiani hanno creato gruppi dedicati allo scambio di foto e auguri, soprattutto con parenti e colleghi di lavoro. Inoltre, il 66 per cento di loro ha continuato a mantenere attiva la chat almeno fino alla Befana, e solo una quota minoritaria è stato poco “socievole”: un 4 per cento di utenti ha abbandonato il gruppo senza scrivere alcun messaggio e il 7 per cento ha almeno augurato “Buon Natale a tutti!” prima di uscire dalla conversazione.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.