Ardea, Aec: il Comune scrive a Prefettura e Regione

mario savarese Nasce “Ardea in rete”: 61 imprese vi hanno aderito



Il Comune di Ardea ha scritto oggi alla Prefettura di Roma e alla Regione Lazio sulla
questione dell’Assistenza educativa culturale per i ragazzi disabili degli istituti del
territorio. L’Amministrazione ha sottolineato la necessità di ristabilire i fondi regionali
per l’Aec, come previsto dalla legge regionale numero 29 del 30 marzo 1992, secondo
la quale, al comma 1 lettera d) dell’articolo 2, la Regione assicura “ai minori in difficoltà
di sviluppo e di apprendimento, ai disadattati ed agli invalidi l’inserimento nelle normali
strutture scolastiche garantendo comunque l’assolvimento dell’obbligo scolastico”.

Inoltre, la Regione Lazio, secondo la stessa norma (articolo 15 comma 1), garantisce
interventi in favore dei Comuni per l’adeguamento e il potenziamento delle attrezzature
necessarie per il funzionamento delle cucine e dei refettori scolastici, per dotare le
amministrazioni di scuolabus e per fornire, in carenza di interventi comunali, le
attrezzature specialistiche che si rendano necessarie per l’inserimento in scuole normali
“di alunni minorati e per la realizzazione di opere che ne facilitino l’accesso ai locali
scolastici”.  Queste sono solo alcune delle disposizioni di cui il Comune di Ardea, negli
anni, non ha mai usufruito.

Le dichiarazioni del sindaco di Ardea Mario Savarese

Non vogliamo toglierci le responsabilità, ma è giusto che tutte le istituzioni possano
collaborare per ristabilire l’ordinarietà. È nostro dovere morale ripristinare il servizio appena
possibile, nonostante le difficoltà economiche che in questo momento insistono in Comune,
tant’è che nel frattempo continua la nostra ricerca di soluzioni a breve e medio termine e per
questo ringrazio le organizzazioni sindacali che si stanno impegnando con noi per stimolare le
altre amministrazioni dello StatoAbbiamo scritto anche alle direzioni didattiche per chiedere
un loro intervento istituzionale.

La polemica di questi giorni montata attorno alla legge 104 è frutto di una errata interpretazione.
Infatti la norma regionale identifica invece in maniera chiara la competenza nell’assicurare il
diritto allo studio. Ringrazio i genitori che da giorni  sono in allarme, molti dei quali mi stanno
contattando. Ringrazio soprattutto quelli che hanno sempre partecipato alla gestione della cosa
pubblica pagando regolarmente tutti i servizi comunali, tra cui la mensa scolastica.
Se tutti avessero seguito il loro esempio oggi non saremmo in questa condizione. La privacy
non ce lo consente, ma verrebbe la voglia di pubblicare il clamoroso elenco di evasori di questo
Comune, composto anche da nomi parecchio altisonanti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.