Contraffazione, scoperto un laboratorio clandestino e Testaccio

Contraffazione, scoperto un laboratorio clandestino e Testaccio



I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno scoperto un vero e proprio laboratorio clandestino per la realizzazione di abbigliamento contraffatto.
Sequestrate macchine da cucire e pen drive, oltre a 70.000 articoli, fra capi di abbigliamento e loghi pronti per essere applicati.
Nel corso del costante controllo economico del territorio condotto dai militari del Gruppo Pronto Impiego di Roma, è stato individuato un sito nel quartiere Testaccio della Capitale in cui vi era un continuo andirivieni di soggetti, soprattutto extracomunitari, muniti di bustoni.

Contraffazione, locali subito sequestrati

Al fine di verificarne il contenuto, è stato fermato e sottoposto a controllo un cittadino
senegalese, che, nell’immediato, cercava di occultare sulla propria persona un pacco,
risultato poi contenere alcuni capi di abbigliamento contraffatti.
Le operazioni sono state subito estese sottoponendo a perquisizione i locali da cui
proveniva e nei quali svolgeva, a suo dire, attività sartoriale regolare.
Invece, la scupolosa ispezione condotta dalle Fiamme Gialle ha consentito la scoperta
di un vero laboratorio clandestino per la realizzazione di capi contraffatti.
Sono state, infatti, rinvenute macchine da cucire professionali, programmate per
la riproduzione illecita delle griffes delle più note case di abbigliamento, alcune pen
drive, contenenti i file dei diversi loghi e marchi aziendali, tra cui Armani, Moncler,
Colmar, ecc., nonché oltre 70.000 capi di abbigliamento, tra giubbotti, giacche e maglie,
sia neutri che già griffati, numerose etichette e targhette false pronte per essere
applicate.

Bassa qualità ma soprattutto nocivi

La riproduzione dei vari brand era particolarmente accurata, come testimoniato
dall’esito delle perizie e assolutamente in grado di trarre in inganno il consumatore
finale, mentre di bassa qualità e potenzialmente nocivi i capi neutri utilizzati.
Di circa un milione di euro il valore che si sarebbe ricavato dalla vendita della merce
sequestrata, destinata ad essere ceduta sulla piazza romana, soprattutto in questo
periodo di festività.
Il senegalese è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Roma per reati di
contraffazione.
L’attività si inserisce nel dispositivo di contrasto alla contraffazione del Comando
Provinciale di Roma teso, in particolare, a colpire i canali di produzione ed
approvvigionamento del mercato del falso e a tutela dell’economia legale e degli
imprenditori che operano nel rispetto delle regole.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.