Ostia, primo consiglio Di Stefano insieme a Marsella: “Estirperemo il malaffare”

Ostia, Di Stefano insieme a Marsella: "Estirperemo il malaffare"



Primo consiglio municipale ad Ostia dopo due anni di commissariamento che vede l’esordio di CasaPound dopo il sorprendente 9% ottenuto alle elezioni.
Il consigliere Luca Marsella è tra i primi ad arrivare accompagnato dal segretario nazionale di CasaPound Simone Di Stefano, dal candidato presidente alla
Regione Lazio Mauro Antonini e da Carlotta Chiaraluce che ha ottenuto il record assoluto di preferenze nel X Municipio.
Ad attenderlo molti residenti che hanno applaudito e stretto la mano al consigliere.

Ostia, Marsella: “Unici rappresentanti del popolo italiano”

“Siamo gli unici rappresentanti del popolo italiano – ha dichiarato Marsella – in un Municipio abbandonato dallo Stato.
Finalmente possiamo portare all’interno di quelle stanze la voce e la rabbia sacrosanta dei cittadini dei quartieri abbandonati del nostro territorio, dei commercianti
e degli imprenditori tartassati, delle famiglie che non arrivano a fine mese di cui in questi anni siamo stati l’unico punto di riferimento.
Purtroppo oggi il nome di Ostia è associato soltanto a mafia e malaffare, quello che vogliamo riuscire a fare in questi anni è far riscoprire l’orgoglio ai cittadini
di essere nati e cresciuti qui, rilanciare il turismo e l’economia, sconfiggere il degrado.

Siamo gli unici che possono estirpare il malaffare e per questo chiediamo da subito la presidenza della commissione trasparenza.
La prima cosa su cui invece pretenderemo un intervento sarà lo sgombero dell’ex colonia Vittorio Emanuele occupata da centinaia di immigrati a cui il Comune di Roma paga perfino le utenze.
Non si può parlare di legalità – ha concluso Marsella – solo quando fa comodo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.