Mafia Capitale, Pacetti: “La sentenza conferma giunta parallela di Buzzi e Carminati”

processo mafia capitale



“Oggi con le motivazioni della sentenza della X sezione penale su Mafia Capitale arriva la conferma di quanto già sospettavamo da tempo: una classe politica disattenta ha permesso per anni a Massimo Carminati e a Salvatore Buzzi di svolgere la funzione di sindaci ombra della nostra città. Si legge infatti che ‘nel settore degli appalti pubblici l’associazione ha avuto la capacità di inquinare durevolmente e pesantemente, con metodi corruttivi diffusi, le scelte politiche e l’azione della pubblica amministrazione’.

Come avevo già avuto occasione di sottolineare, Carminati e Buzzi avevano creato un vero e proprio sistema, una sorta di giunta parallela i cui maggiori esponenti erano: Riccardo Brugia, un ex rapinatore che svolgeva funzioni vicarie, una sorta di vicesindaco, Franco Panzironi, ex AD di AMA con compiti di esattore, il ruolo di “Presidente del Consiglio Comunale” spettava invece a Fabrizio Testa che aveva la funzione di mantenere i rapporti tra il “Mondo di mezzo e le istituzioni politico-affaristiche”. L’annidarsi di un sistema corruttivo di tale portata con il M5S è oggi impossibile.

Questa sentenza purtroppo ci fa riflettere ancora una volta sullo stato in cui ci hanno lasciato la Capitale. Non è una ferita che si cura in un giorno, né in un anno. Abbiamo nel frattempo impedito che diventasse mortale. Siamo ripartiti. Il ritorno alla normalità che si sta realizzando grazie al MoVimento è quanto di meglio i romani potessero desiderare dopo tutto questo. Nessuno ‘mangerà’ più alle spalle di Roma e dei romani. Almeno finché saremo noi ad amministrare la città”.

E’ quanto dichiara in una nota stampa Giuliano Pacetti, consigliere M5S di Roma Capitale sulla sentenza riguardante il processo a Mafia Capitale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.