Palidoro, via Castel Campanile a rischi, Severini: “Si intervenga”



[su_quote]

Purtroppo sono anni che segnaliamo, a questo punto inutilmente, lo stato di assoluto pericolo di via Castel Campanile, una strada principale che collega il nord di Fiumicino al lago di Bracciano. Questa mattina dopo l’ennesima protesta sono andato nuovamente a constatare la situazione, che poi è sempre la stessa. Zero illuminazione, vegetazione tanto rigogliosa da occupare vaste porzioni stradali, nessun dissuasore di velocità, sporcizia e degrado ai bordi della carreggiata. Nonostante Crescere Insieme abbia diverse volte segnalato questa problematica si continua a far finta di nulla, come se il problema non esistesse. Testimonianza provata che il nord del Comune continua a essere dimenticato e trascurato. Mentre a Fiumicino si inaugurano aiuole, aiuolette e mazzi di fiorellini qui la storia è sempre la stessa. Degrado, degrado e degrado. Tant’è vero che tutte le discariche abusive segnalate più volte, non ultime quelle ad Aranova e a Torrimpietra, dopo mesi sono ancora lì. Per via di Castel Campanile però non si parla solo di sporcizia ma di un pericolo che coinvolge i tanti automobilisti che quotidianamente la percorrono. La strada è già di per sé stretta e con la vegetazione alta nelle curve a gomito bisogna farsi il segno della croce. La visibilità è nulla, si va alla cieca, sperando che nessuno si allarghi per evitare le erbacce che spuntano a mucchi. Due autovetture non ci passano, quindi bisogna sempre aspettare che l’altro passi. Spero che l’ennesima segnalazione non cada nel vuoto e qualcuno prenda finalmente provvedimenti.

[/su_quote]

Roberto Severini, presidente associazione Crescere Insieme

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14066 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.