Avv. Gassani: “Padri genitori di serie B, la sentenza di Catania cambia un diritto mammocentrico”



“Si tratta di una sentenza storica che probabilmente cambia un po’ i connotati di un diritto di famiglia “mammocentrico” che non trova nessuna ragione di essere”. L’avvocato Gianettore Gassani, presidente dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, ha commentato così a “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus la sentenza del Tribunale di Catania che ha affermato che i genitori, padre e madre, sono uguali dinanzi al figlio e in caso di separazione nessuno può definirsi preferibile a prescindere. “Stiamo assistendo da anni all’imposizione del concetto di “maternal preference” che, tra l’altro, è stato confermato dalla Seconda Corte di Cassazione, un fatto che ci ha lasciato sconcertati – ha continuato Gassani alla radio dell’Università Niccolò Cusano – è giusto continuare a parlare di diritti per le donne, non dobbiamo abbassare la guardia. Quando però ci avviciniamo alla famiglia e alle procedure per l’affidamento dei minori, si ribaltano le posizioni. Sono gli uomini a rivendicare una parità che di fatto non c’è. L’introduzione della legge sull’affidamento condiviso ha sancito soltanto un bellissimo principio che, però, è stato costantemente disatteso. A parità di condizioni, insomma, i padri sono sempre genitori di serie B”. Mettendosi nei panni di una “femminista”, come accoglierebbe la sentenza del Tribunale di Catania? “Ci sono due generi di femministe. Una femminista accecata, di retroguardia che vuole che ogni provvedimento favorisca le donne a prescindere. C’è poi la femminista illuminata. Questa sentenza non penalizza le madri ma favorisce i figli. Impone anche dei doveri ai padri i quali, approfittando di questa cultura mammocentrica, sono in qualche modo disimpegnati. Non sempre i padri combattono per la parità, ci marciano, accontentandosi di essere genitori da week end. Credo che l’affidamento condiviso vada letto secondo un’ottica legata al minore, il quale deve avere il diritto a mantenere rapporti costanti ed equilibrati con entrambi i genitori. Questa sentenza spazza via decenni di ingiustizia che hanno colpito i minori, orfani di padri vivi. Mette ordine nei confronti di padri indisciplinati e disimpegnati, nei confronti delle madri che si sentono le padrone dei figli, nei confronti di una società che nel 2017 non può permettersi differenze sessiste. Qui la partita non è dei padri contro madri: dobbiamo tendere ad una società giusta altrimenti saranno i figli a pagare le ingiustizie”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.