EUR, Santori-Figliomeni, FDI: “Chiarezza su alloggi di lusso a detenute con i figli”



“I residenti del quartiere dell’Eur sono sul piede di guerra in merito al progetto del Comune di Roma, ‘Casa di Leda’, che ha voluto destinare due ville extra lusso per ospitare delle detenute con i loro bambini.
Cambiano i tempi ma non la sostanza. Dopo la Giunta Marino e’ ora il momento della Giunta Raggi. Stessi metodi se non peggiori. Ma andiamo per ordine. La Giunta Marino nel maggio 2015 decide di realizzare in due immobili confiscati alla mafia, uno in via Algeria e uno in via Kenya, una struttura per madri detenute con bambini, in applicazione della legge 62 del 21 aprile 2011, e a seguito della consegna degli immobili da parte del Tribunale Ordinario viene firmato un protocollo d’intesa tra Comune di Roma, ministero di Giustizia e Fondazione Poste Italiane onlus, per la realizzazione della casa famiglia che garantisca la crescita dei bambini fuori dal carcere. Iniziativa ammirevole se non fosse che su tutta questa vicenda ci sono aspetti poco chiari. Innanzitutto non e’ stato indetto nessun bando pubblico, per avere la possibilita’ di presentare progetti altrettanto buoni se non addirittura migliori. In seconda battuta nessuno si e’ preso la briga di avvertire i residenti dell’intenzione di realizzare questo progetto, con ripercussioni in termini di sicurezza, che li avrebbe visti diventare vicini con detenute forse di etnia rom, le quali non avendo un domicilio verrebbero qui ‘parcheggiate’ per ottenere gli arresti domiciliari. Inoltre non si conosce l’entita’ della spesa economica sostenuta dal Comune di Roma per tutte le utenze, vedi elettricita’, acqua, riscaldamento e ne’ da quale bilancio verranno tolti i soldi delle suddette utenze che dovrebbero avere un costo tra i 250 e i 300mila euro annui.
Abbiamo presentato un’interrogazione per avere maggiore chiarezza in merito e aspettiamo delle risposte chiare, in quanto ci chiediamo se non fosse stato piu’ utile utilizzare le due ville per ospitare i genitori dei piccoli malati oncologici ricoverati nei vicini ospedali, che molto spesso devono affrontare spese ingenti per poter far fronte a questa necessita’”.
Lo dichiarano il consigliere capitolino Francesco Figliomeni e il consigliere regionale Fabrizio Santori di Fratelli d’Italia.
[su_youtube_advanced url=”https://www.youtube.com/watch?v=gcTf685uzBE”]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.