Carburanti, ripartono i rialzi di prezzo sulla rete italiana



Ripartono i rialzi sulla rete carburanti italiana. Con i mercati internazionali dei prodotti petroliferi ancora in salita, infatti, a intervenire sui listini è stata ieri Eni, con un aumento sulla benzina di 2 cent/litro. E’ quanto si legge su Quotidiano Energia.
Sul territorio prezzi praticati ancora senza particolari scossoni con tendenza a crescere sulla verde. Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato “servito” della benzina va oggi dall’1,670 euro/litro di Eni all’1,699 di Q8 (no-logo a 1,503). Per il diesel si passa dall’1,581 euro/litro di Eni all’1,609 di Q8 (no-logo a 1,401). Il Gpl, infine, è tra 0,598 euro/litro di Eni e 0,628 di Shell (no-logo a 0,591).

Le punte massime sempre sul “servito”, osservate per tutti e tre i prodotti nell’Italia meridionale, si attestano a 1,778 euro/litro per la benzina, 1,663 euro/litro per il diesel e 0,648 euro/litro per il Gpl. I livelli più bassi (no-logo escluse), registrati nel nord del Paese, risultano invece rispettivamente a 1,592, 1,526 e 0,552 euro/litro.

Fonte: agenzia dire

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23725 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.