BRACCIANO – IL COMUNE “TOPPA” E PANTALONE PAGA



Le motivazioni che spingono alcuni politici a cercare di liberarsi dei loro oppositori facendo ricorso alla Magistratura possono essere molteplici. Tra queste evidentemente anche una buona dose di incapacità politica. Non è questo tuttavia che oggi ci interessa in modo particolare, bensì l’ennesima “forma di estorsione” dalle tasche dei cittadini che tanto per cambiare vengono chiamati a pagare le spese prodotte dai loro eletti.
Una premessa doverosa che ci riporta ai fatti accaduti durante l’estate appena trascorsa: nel Consiglio Comunale di giugno, viene deliberata l’incompatibilità a consigliere comunale di Armando Tondinelli del gruppo ‘Bracciano è Tua – Massi Sindaco’.
Il provvedimento viene  approvato a maggioranza ai sensi dell’articolo 63 del Testo Unico sull’Ordinamento degli Enti Locali (incompatibilità per lite pendente in quanto parte di un procedimento civile ed amministrativo).
Il Consigliere Tondinelli viene quindi esautorato e sostituito con Patrizia Riccioni in base ad una delibera di Consiglio successivo tenutosi a luglio.
Inevitabile il ricorso al Tar da parte dell’ex consigliere Tondinelli che in data 17 ottobre 2012 si vede riconosciuti i suoi diritti (leggi QUI in formato pdf copia della sentenza).
Nel condannare l’amministrazione Comunale di Bracciano con l’intimazione “a disporre l’immediata reintegrazione – ora per allora – del ricorrente Tondinelli nelle proprie funzioni di Consigliere comunale”, il TAR stabilisce anche che oltre alle spese di giudizio, l’Amministrazione dovrà risarcire l’ingiustamente allontanato consigliere nella misura di “euro cento per ogni giorno di allontanamento dall’esercizio delle proprie funzioni di consigliere comunale, dalla data della delibera di decadenza impugnata fino alla data di effettivo reintegro nelle funzioni”. In altre parole, più a lungo il Comune tirerà la corda e più alto sarà il risarcimento dovuto ad Armando Tondinelli.
Il Tribunale Amministrativo nella sua sentenza parla inoltre di una “pronta reintegrazione”, di un “danno derivante dal periodo di ingiustificato allontanamento dalle proprie funzioni”, e soprattutto di una persona “ingiustamente colpita da un provvedimento di decadenza che postula l’esistenza di un suo interesse privato” danneggiandone l’immagine in quanto “suscettibile di intaccare il rapporto di fiducia fra l’interessato ed i suoi elettori”.
La cosa che a noi sembra “pesante” è che il TAR non esclude “né la eventuale sussistenza di una responsabilità erariale, né la possibile sussistenza di responsabilità penali in relazione ad eventuali estremi di reato”.
In altre parole il Tribunale accogliendo il ricorso presentato da Armando Tondinelli determina “la necessaria trasmissione degli atti di causa alla Procura della Repubblica di Civitavecchia e alla Procura competente Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti di Roma”.
Il Consigliere Tondinelli da noi interpellato, non nasconde una certa soddisfazione e dichiara: “La cosa che mi fa più piacere è che i giudici indicano chiaramente che la mia attività è stata rivolta verso l’interesse pubblico e non privato come da anni dice il Sindaco. Da oggi mi batterò fino all’inverosimile affinché  i danni indicati in sentenza siano pagati da tutti quei consiglieri che hanno votato una delibera palesemente non corretta  così come pure da quei funzionari che hanno permesso che tale delibera venisse portata in consiglio”.
E chissà che per una volta la responsabilità individuale non risparmi “danno e beffa” ai sempre più poveri cittadini?

Renato Magrelli [foldergallery folder=”cms/file/BLOG/7095/” title=”7095″]

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Bracciano Elena Felluca non nominata consigliere comunale scrive al prefetto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.