8 dicembre 2016

Mobilità, Attività produttive e Patrimonio: le commissioni congiunte hanno discusso delle aree del Mercato Ittico affidate al Consorzio Agroalimentare

Per approfondire le questioni emerse nel corso della seduta del Consiglio comunale del 26 settembre, nella quale fu approvata la delibera che concedeva in uso al Caan due aree nei pressi del Mercato Ittico di Duca degli Abruzzi, oggi le commissioni Mobilità, Attività produttive e Patrimonio si sono riunite con gli assessori Panini, Attività produttive, e Borriello, Patrimonio, con il presidente del Caan Giordano, con l’amministratore Unico di Anm Ramaglia.

I presidenti delle commissioni hanno introdotto gli argomenti sottolineando: Solombrino (Attività produttive) la posizione strategica dell’area che potrebbe essere adibita a parcheggio pubblico in orari diversi da quelli in cui sarà al servizio del Mercato Ittico; Sgambati (Patrimonio), l’opportunità di coinvolgere l’Anm nella gestione una volta appurata l’impossibilità per il Caan di utilizzare proprio personale per il parcheggio; Simeone (Mobilità), anche sulla base del sopralluogo effettuato nella zona lo scorso 27 settembre, la necessità di acquisire la disponibilità dell’azienda della mobilità a progettare una utilizzazione immediata dell’area anche per alleviare i molti problemi di viabilità.
Il presidente del Caan, Giordano, ha spiegato le aree messe a disposizione del Mercato Ittico di Duca degli Abruzzi rispondono alle necessità degli operatori ittici, che torneranno al Mercato una volta completati i lavori di adeguamento che il Caan sta effettuando; che nel mercato di Volla il Caan non gestisce parcheggi ma, con una società di servizi esterna, i soli tornelli per il pagamento del pedaggio per l’accesso; infine, che le operazioni mercatali impegneranno, per il Mercato Ittico, circa 12 ore (dalle 22.00 della sera alle 10 del mattino seguente).

Molte le considerazioni svolte dai consiglieri intervenuti: per Langella (Prima Napoli) le aree in questione, inadatte al carico e scarico merci, potrebbero ospitare un parcheggio di interscambio, utile alla viabilità e al parcheggio dei bus turistici; per Brambilla (Movimento 5 Stelle) si ripropongono le molte ambiguità contenute nella delibera approvata dal Consiglio, a proposito, ad esempio, del canone a carico del Caan e dello stesso termine di “parcheggio” per un’area invece che è di servizio; Quaglietta (PD) per ribadire la possibilità, contenuta in un emendamento presentato in Consiglio, di una convenzione tra Caan e Anm per la gestione dell’area; per Rinaldi (Napoli in Comune a Sinistra) il miglior utilizzo dell’area è da valutare alla luce delle reali esigenze di parcheggio e delle esigenze funzionali del Caan; per Lebro (La Città) il progetto di recupero del Mercato Ittico è inserito nella valorizzazione e rivitalizzazione dell’area della Marinella e prefigura l’utilizzazione della storica struttura per tutto il giorno, da parte anche di cittadini e turisti; per Vernetti (De Magistris Sindaco) la domanda da porsi è sulla concreta fattibilità di un progetto di parcheggio di interscambio per bus turistici e cittadini per alleggerire i problemi di traffico; per Frezza (De Magistris Sindaco) l’utilizzo dell’area per la sosta dei bus turistici nelle ore diurne consentirebbe di metterla a reddito e di evitare, grazie all’intervento dell’Anm, di esternalizzare la gestione dei parcheggi, come avvenuto recentemente in altre realtà, come la Mostra d’Oltremare; per Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) va tenuta distinta la questione generale del piano urbano dei parcheggi, che va discusso al più presto, e valutata anche con il concorso della Asl la possibilità di un uso promiscuo dell’area; per Esposito (PD) la vera urgenza è l’inquinamento del parco della Marinella; il consigliere ha inoltre denunciato la scelta scellerata dell’amministrazione di utilizzare per un deposito giudiziario di motorini l’unico parcheggio a pagamento di Ponticelli, con conseguenti forti proteste da parte degli abitanti.

Per l’assessore Panini è possibile che diverse esigenze convivano perché è proprio la progettazione già fatta ad indicare per la zona la creazione di un vero e proprio distretto del pesce. Sul problema del canone, la determinazione sarà fatta in sede di aggiornamento del contratto di servizio con il consorzio. Per l’amministratore unico dell’Anm, Ramaglia, infine, c’è la disponibilità da parte dell’azienda mobilità a progettare e a stimare sul piano tecnico economico la gestione di una struttura, a condizione che si chiarisca preliminarmente la destinazione – sia come area di servizio che come parcheggio – dell’area.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.