4 dicembre 2016

MotoGp: Marquez domina in Germania

Il GP di Germania va Marc Marquez, Repsol Honda, che grazie ad una tattica perfetta del suo box domina nelle condizioni miste dopo la pioggia. Secondo è la sorpresa Cal Crutchlow, LCR Honda, e terzo Andrea Dovizioso, Ducati Team. Valentino Rossi, Movistar Yamaha è ottavo mentre arretrato è il rivale di box Jorge Lorenzo, quindicesimo ma ancora secondo in campionato.

Condizioni di pista critiche, cielo coperto e la pioggia fanno da cornice alla partenza della nona gara della MotoGP™. Le precipitazioni hanno caratterizzato la mattinata di warm up e tutte le moto ora montano Michelin da bagnato, nelle prime prove domenicali il migliore è stato, Dani Pedrosa. Il pilota HRC dopo delle libere appannate ma delle buone qualifiche si appresta ad essere uno di protagonista di questo GP tedesco dalle carte nuovamente mescolate dal meteo. Il numero 26 Honda partirà dalla quarta fila e alla fine sarà sesto.

In testa alla griglia di partenza c’è Marc Marquez affiancato da Hector Barbera. Il corridore HRC è stato vittima di una caduta durante le prove della mattina, una brutta botta alla gamba destra dopo la scivolata alla curva otto mentre il pilota Avintia Racing è stato protagonista di ottime qualifiche risultando il miglior ducatista e nel warm up ha centrato la top ten. In terza posizione Valentino Rossi, Movistar Yamaha, in ripresa dopo le difficoltà delle libere di venerdì. Al contrario del Dottore Jorge Lorenzo è protagonista fino ad ora di un fine settimana opaco e scatterà dalla undicesima piazza dopo un warm up chiuso in ventesima posizione. Chi ha interpretato un ottimo sabato è stato Danilo Petrucci, il pilota di Terni apre la seconda fila e, viste le condizioni da bagnato, potrebbe essere autore di una grande prova sulla sua GP15 Octo Pramac Yakhnich. I piloti del team Ducati sono in terza fila, Andrea Dovizioso settimo e Andrea Iannone nono.

La scelta di tutti i piloti è ricaduta sul gomme da bagnato nonostante il cielo sembri aprirsi quando i prototipi si allineano sulla griglia di partenza, la gara vedrà un miglioramento e le tattiche delle scuderie saranno decisive. Tutto è pronto, si spegne il semaforo e inizia la corsa. Parte bene Marquez che alla Cola Kurve tiene la prima posizione ma è subito infilato da Rossi, terzo è Dovizioso che attacca la Honda numero 93 e la scavalca. Anche Petrucci è con i migliori e quarto. Barbera è protagonista di un avvio non brillante ed è quinto a guidare il gruppo degli inseguitori. La lotta di testa è tutta Rossi e Dovizioso come per il terzo posto tra Marquez e Petrucci. In luce si mette Jack Miller. Il pilota Estrella Galicia 0,0 e vincitore in condizioni simili ad Assen mette a referto il miglior giro e sale al sesto posto. Cade Yonny Hernandez, Aspar Team, alla curva 13.

Dopo due giri Dovizioso attacca Rossi e si pone al comando della corsa. Il Dottore deve subire anche il sorpasso del numero 9 Pramac. Due Ducati sono davanti mentre il secondo corridore del Team, Andrea Iannone è settimo. Il pilota Fiamme Oro non è domo e supera Dovizioso e sottraendogli la prima piazza. Lorenzo in queste fasi è undicesimo. A meno 25 giri dalla fine Miller attacca Marquez, la sfida è tra Honda e l’australiano ha la meglio sul pilota HRC mentre i due ducatisti sembrano allungare con Petrucci, su GP15, che non riesce a staccare la DesmosediciGP numero 4. Rossi però non molla ed è a 0,4s dalla vetta. Dietro Miller e poi Marquez a chiudere le prime cinque posizioni. Lotta invece per la settima piazza tra Iannone e Pedrosa.

Il numero 93 Honda in queste fasi non sembra tenere il passo dei migliori e deve subire il sorpasso anche di Barbera. Anche Lorenzo non ha il ritmo confermando il fine settimana no, è superato da Aleix Espargaro e poi da Maverick Viñales, team Suzuki Ecstar per poi scivolare in quindicesima posizione. La grander gara di Petrucci finisce nella ghiaia della curva tre quando all’undicesimo giro scivola compromettendo il suo primato. Lungo alla curva dieci anche per Marquez che arretra in nona posizione ma grazie al miglioramento della pista e alla tattica del box tornerà presto davanti. Primo è Dovizioso e secondo Rossi, poi Barbera e Miller. Pedrosa con un passo costante tiene la quinta piazza provvisoria.

A meno 17 giri dalla fine cambio tattico per Iannone che sale sulla seconda moto con gomme intermedie, la pioggia ha smesso di battere sul Sachsenring e la pista si sta asciugando, il pilota di Vasto prova ad anticipare gli eventi e gli avversari. Da qui in poi la tattica ai box sarà la chiave di volta della gara.

Rossi perde una posizione e subisce l’attacco di Barbera, ora è terzo mentre Dovizioso allunga. I team cominciano a studiare le tattiche per affrontare una pista che sta cambiando rapidamente condizione con il passare dei giri. Il box HRC accoglie Marquez che riparte con le gomma slick dietro ed intermedia davanti, ormai le condizioni impongono scelte multiple e questa mossa alla fine risulterà decisiva. Il Dottore intanto ritorna al secondo posto quando cade Pol Espargaro, Yamaha Tech3. L’asfalto adesso presente una netta parte asciutta e sia Marquez sia Iannone stanno guadagnando secondi sugli avversari dopo il cambio di gomme.

Il box Yamaha richiama Rossi per il cambio ma il Dottore resta fuori insieme ai piloti di vertice, ai quali intanto si è aggiunto Cal Crutchlow. Questi corridori sono tutti con le gomme da bagnato e girano con tempi decisamente più lenti dei piloti che hanno effettuato il cambio come Marquez, ora sesto. A meno sette tornate dalla fine i quattro di testa rientrano.

Ora al comando c’è Miller con gomme da bagnato seguito da Marquez con gomme da asciutto. Per il box Honda una tattica che adesso si rivela vincente quando il numero 93 ha la meglio sulla RC213V satellite. Ora Rossi è settimo e costretto al recupero ma il tempo sembra essere poco mentre Dovizioso con gomme intermedie ha un passo più sicuro e sale fino alla terza posizione. Il forlivese è però superato da un arrembante Crutchlow che con gomma da asciutto ha un passo più veloce. In seconda piazza, dopo il cedimento di Miller c’è Scott Redding della scuderia Octo Pramac Yakhnich. Si infiamma la sfida tra britannici con il pilota LCR che mette nel mirino la Ducati di Redding e dopo diversi tentativi lo supera in staccata.

Marquez è ormai solo a oltre nove secondi e vince. Crutchlow è secondo e sul podio, al terzo posto, sale Dovizioso dopo aver vinto la sfida finale contro Redding che precede Iannone. Rossi è ottavo e Lorenzo chiude un fine settimana grigio al quindicesimo posto.

Grande traguardo per il box LCR con Crutchlow che non saliva sul podio da oltre un anno. Secondo podio stagionale per Dovizioso mentre il talento di Cervera conferma il pronostico e vince per la settima volta in Germania.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.