10 dicembre 2016

Gran Premio di Francia: doppio ritiro per i piloti del Ducati Team a Le Mans

Il GP di Francia non ha riservato molte soddisfazioni ai piloti del Ducati Team, che si sono dovuti ritirati nel corso della gara in seguito a due cadute.
La giornata era iniziata in modo positivo per la squadra italiana, e nel warm up del mattino Andrea Iannone aveva ottenuto il miglior tempo, dimostrando un’ottima competitività così come il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso, quinto.
In partenza Dovizioso è scattato molto bene al via ed è transitato sul traguardo del primo giro in seconda posizione, in scia al leader della gara Jorge Lorenzo. Il pilota romagnolo ha mantenuto la sua posizione fino al sesto giro, quando è stato superato da Iannone, che però è scivolato nel corso della tornata successiva. Dovizioso nel tredicesimo passaggio è stato poi superato da Rossi ed è rimasto al terzo posto davanti a Marquez per i due giri successivi, prima della scivolata alla curva 7 che ha messo fine alla sua gara.
Andrea Iannone, che partiva dalla prima fila grazie al terzo miglior crono ottenuto ieri in qualifica, ha concluso il primo giro in terza posizione ed ha poi superato il suo compagno di squadra nel corso del sesto passaggio. Purtroppo nel giro successivo il pilota di Vasto, che stava riducendo il suo distacco da Lorenzo, ha perso l’anteriore alla curva 8 e si è dovuto ritirare.
Andrea Dovizioso (Ducati Team # 04) – ritirato
“E’ un vero peccato perché avevamo azzeccato la strategia giusta riuscendo a partire bene. Ero nel gruppo che inseguiva Lorenzo e stavo cercando di capire dove sarebbe stato possibile provare ad attaccare Rossi, ma all’ingresso della curva 7 la gomma anteriore ha perso aderenza e mi sono ritrovato in terra. Analizzando la telemetria abbiamo visto che avevo un angolo di piega superiore solo di due gradi rispetto ai passaggi precedenti ma, al di la di questo, le gomme stavano funzionando piuttosto bene questo weekend. Purtroppo però è una loro caratteristica quella di non dare avvertimenti quando perdono aderenza, e quindi sono scivolato. La prestazione di oggi ci ha dato dei feedback importanti per il futuro, perché ci ha dimostrato che possiamo essere veloci, ma non per tutta la durata della gara. Adesso dobbiamo lavorare per trovare una maggiore costanza di rendimento, e poi andremo a cercare la prestazione pura.”
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – ritirato
“Sono molto dispiaciuto perché cadere in gara, soprattutto dopo un weekend in cui siamo stati sempre competitivi e performanti, fa veramente male. E’ molto strano quello che mi è successo, perché ho forzato molto di più nei primi giri per cercare di superare Dovi in frenata che non quando ero dietro a Lorenzo e stavo cercando di ridurre il mio gap. Ma il comportamento della gomma anteriore è sempre difficile da prevedere e non sai mai quanto ti puoi fidare. Nonostante la caduta abbiamo dimostrato di essere molto veloci, anche se non siamo riusciti a portare a casa nessun punto: adesso però dobbiamo assolutamente migliorare alcuni aspetti che non ci permettono ancora di essere costanti per tutta la gara.”
Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse)
“Un doppio ritiro è sempre un risultato molto pesante da accettare, soprattutto in un weekend in cui la Desmosedici GP ed entrambi i nostri piloti avevano dimostrato un’ottima competitività. Se vogliamo però trovare un aspetto positivo possiamo dire che, dopo un Gran Premio di Spagna a Jerez molto difficile per noi, qui a Le Mans siamo finalmente tornati a lottare sia in prova che in gara per le prime posizioni. Adesso dobbiamo cercare di archiviare in fretta la delusione di oggi e concentrarci sulla nostra gara di casa, il GP del Mugello, dove faremo il massimo per dare delle soddisfazioni a tutti i nostri tifosi ed appassionati.”
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.