11 dicembre 2016

GP di Argentina, la conferenza stampa

La conferenza stampa che apre il GP di Argentina, seconda prova del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016 nel giovedì pre gara, preannuncia una sfida che dalle prime prove libere sarà caratterizzata dai molti interrogativi sulla scelta delle gomme. Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, portacolori Movistra Yamaha, Marc Marquez della scuderia Repsol Honda, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Yonny Hernandez di Ducati Aspar e Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech3, hanno risposto alle domande dei giornalisti.

Lorenzo, dominatore del primo GP della stagione a Losail ha dichiarato: “La mia stagione non poteva iniziare in un modo migliore e credo che abbiamo risolto i dubbi sull’elettronica e sulle nuove gomme. Abbiamo visto che possiamo essere molto veloci con le Michelin. Adesso siamo su una pista diversa rispetto Losail e vediamo cosa succede su questo asfalto. In Qatar abbiamo avuto il vantaggio di provare essere già lì dai test precampionato, qui non sarà così e il tempo per capire la competizione migliore per dare il meglio in gara domenica è molto meno. La pista mi piace e in passato, nel 2014, l’ho affrontata non nelle migliori condizioni fisiche mentre l’anno scorso non ho fatto la giusta scelta di gomme, quest’anno credo che potrò fare meglio”.

Al campione del mondo in carica sono state rivolte alcune domande relative al suo futuro contrattuale con Yamaha, ancora incerto. Lorenzo si è detto concentrato solo sulla gara di domenica e sul GP ad Austin comunicando le sue decisioni in seguito.

Andre Dovizioso in Qatar è arrivato secondo con una bella prova fatta di costanza e solidità. Il ducatista afferma: “Sono soddisfatto del mio inizio. Durante i test invernali abbiamo fatti dei buoni test ma non abbiamo mai avuto dei tempi veloci, cosa confermata invece in Qatar. Nessuno sa veramente come andrà in questo GP e nei due successivi con le novità tecniche dell’anno, dobbiamo essere concentrati per gestire al meglio lo pneumatico e il set up della moto, non voglio pensare molto al risultato della gara ma sento che siamo competitivi”.

Marc Marquez è arrivato nelle notte antecedente alla conferenza stampa ma è pronto per il GP dopo il terzo posto a Loasil, afferma: “Cercheremo di confermare la prova del Qatar. È una pista che mi piace voglio fare una buona gara. Sono felice per il mio terzo posto a Losail anche se non è una vittoria ma dopo il nostro precampionato e le difficoltà incontrate va bene. Sappiamo a che punto siamo adesso e cosa fare per migliorare. Le gomme saranno la chiave e cercheremo di fare la scelta migliore”.

Valentino Rossi nel 2015 è stato il vincitore in Argentina, nel primo GP della stagione è arrivato quinto ma nel gruppo dei migliori, dice: “Ci sono tante novità per tutti e a fine gara a Losail ero anche abbastanza soddisfatto perché sono rimasto nel gruppo di testa. Dobbiamo concentrarci per fare la scelta giusta con le gomme che sono state determinate in Qatar. Speriamo nel bel tempo; la pista mi piace, è medio veloce e molto tecnica. L’anno scorso ho fatto un grande risultato ma anche l’anno prima la gara non era andata male. Quest’anno ci sono molti piloti veloci e bisognerà dare qualche cosa in più per essere il migliore”. Alla domanda di quali gare nella sua ventennale carriera siano state la migliore e la peggiore Rossi ha risposto: “La migliore è stata la prima vittoria con Yamaha in Sud Africa; la peggiore, Valencia del 2015”.

Presenti alla conferenza stampa anche Pol Espargaro e Yonny Hernadez che mercoledì si sono esibiti in un tragitto sulle moto sportive dei rispettivi costruttori tra le vie storiche e più famose di Buenos Aires fin dentro lo stadio del Boca Junior.

Da domani spazio alla pista con la prima sessione di libere della classe Moto3™ alle ore 9:00 locali.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.