8 dicembre 2016

MotoGP – Marquez davanti nel Day 1 di Valencia

Il 22enne di Cervera subito forte con la nuova moto, diverse le scivolate per la perdita dell’anteriore.  A poco più di 48 ore dall’assegnazione del titolo mondiale 2015, le stelle della classe regina MotoGP™ sono saltate nuovamente in sella con la testa rivolta già al 2016.

Sarà una stagione ricca di interessi quella che scatterà il prossimo marzo; oltre alle sfide personali ci saranno infatti due importanti novità tecniche che potrebbero stravolgere gli equilibri: la centralina unica e il nuovo fornitore di pneumatici Michelin.

In questa prima giornata di Test Ufficiali, il migliore è stato Marc Marquez (Repsol Honda). Il 22 enne di Cervera ha stampato il crono di 1’31”551, fatto registrare al 10º dei suoi 47 giri odierni, rendendosi peraltro autore di una scivolata senza conseguenze alla curva 3.

Anche il suo compagno di squadra Dani Pedrosa è sceso in pista con la moto 2016 dal nuovo telaio e un nuovo motore, dotata di software unico e delle nuove coperture francesi. Terzo posto per il veterano di Sabadell.

Non sono state a guardare le Yamaha, con i suoi piloti scesi inizialmente in pista con la M1 2015, su cui però sono stati montati dei nuovi freni e delle nuove forcelle, per poi cimentarsi nel pomeriggio con la versione 2016, molto simile al prototipo visto a Motegi con il collaudatore Nakasuga.

Il campione del mondo Jorge Lorenzo, soltanto 11º alla pausa di metà giornata, ha concluso il Day 1 in 5ª posizione. Il suo team-mate Valentino Rossi se l’è presa comoda, varcando la pit lane soltanto dopo mezzogiorno e terminando con il 12º crono assoluto.

Soltanto le case di Tokyo e Iwata hanno fatto esordire le loro versioni 2016: per conoscere le nuove moto della griglia dovremo aspettare il test di Sepang a febbraio.

È questo il caso delle GP16 che vedrà la luce solo il prossimo anno: per il momento Iannone e Dovizioso hanno girato con la GP15 con software unico e pneumatici Michelin. Il pilota di Vasto è stato il migliore dei piloti di Borgo Panigale, grazie al 2º tempo in 1’31”639, a soli 88 millesimi da Marquez. Il suo compagno di squadra è rimasto ha chiuso invece la Top 10.

In casa Suzuki si sono divisi i compiti in questa prima giornata di Test: il collaudatore Aoki si è concentrato sul software, mentre i due piloti ufficiali hanno potuto dedicarsi ai nuovi pneumatici. Il ‘rookie-of-the-year’ Maverick Viñales, nel pomeriggio ha compiuto un gran balzo in avanti alla 4ª posizione assoluta; soltanto 9º invece il veterano di Granollers, Aleix Espargarò, scivolato senza riportare conseguenze.

Tanto lavoro nel box Aprilia. Come la Ducati, anche la casa di Noale non ha portato a Valencia la versione 2016, concentrandosi sulla comparativa delle sue RS-GP con i nuovi pneumatici Michelin, ma con due tipi di elettronica differenti. Stefan Beadl e Alvaro Bautista hanno chiuso rispettivamente in 17ª e 20ª posizione, con lo spagnolo protagonista di un’innocua scivolata.

Con la classe Open ormai andata in pensione, l’attenzione si sposta tutta sui team satellite. Il migliore del Day 1 è stato Cal Crutchlow (LCR Honda): l’inglese, autore del sesto crono della giornata è riuscito costantemente a tenere il passo dei primi, nonostante una scivolata per la perdita dell’anteriore.

Stessa sorte è toccata anche al minore dei fratelli Espargarò, Pol, a terra alla Curva 1 poco dopo mezzogiorno. Lo spagnolo ha fatto meglio del suo compagno di squadra Bradley Smith (Monster Yamaha Tec3), con i due sostanzialmente appaiati e separati da soli 8 millesimi, ma sotto il muro dell’1’32”.

Anche Scott Redding si è difeso bene alla prima uscita con la sua nuova squadra dell’Octo Pramac Racing, chiudendo ai margini della Top 10 davanti a Valentino Rossi e al suo team-mate Danilo Petrucci, anch’egli in sella alla Desmosedici GP15.

Buona anche la prima uscita di Hector Barberà (Avintia Racing), davanti a Jack Miller e Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS): quest’ultimi due sono stati vittima di scivolate senza riportate conseguenze, con lo spagnolo autore di una vera e propria maratona di ben 85 giri!
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.