Stampanti e ricariche: come risparmiare

ottimizzare cartucce-ok

 

La gestione della stampante passa soprattutto per una saggia scelta delle ricariche. Le tecnologie inkjet e quelle laser si servono di due meccanismi differenti: la prima tipologia di stampante utilizza le cartucce mentre la seconda usa i toner di stampa.

Risparmiare con le inkjet

La soluzione consigliata dalle aziende produttrici in fatto di ricarica del serbatoio esaurito consiste nell’acquisto di cartucce originali, sviluppate dallo stesso marchio del device appositamente per ogni singolo modello di stampante. Si tratta di una soluzione certamente al top della qualità ma anche della più onerosa.

L’alternativa più comune è rappresentata dalle cartucce compatibili, elaborate da aziende diverse da quelle ufficiali e adatte a più modelli di uno stesso marchio. Le aziende produttrici sono spesso colossi del settore che sviluppano soluzioni di alta qualità ma non mancano articoli scadenti: ad ogni modo, meglio diffidare dei prezzi troppo bassi! Va specificato che, contrariamente a quanto si creda, esse non rappresentano in alcun modo un rischio per l’integrità delle stampanti.

Altra soluzione è quella delle cartucce rigenerate, ovvero serbatoi originali usati che, in seguito a un processo di recupero, vengono nuovamente messe sul mercato e che offrono performance del tutto equiparabili a quelle originali. Si tratta, inoltre, di una soluzione ecocompatibile poiché allunga il ciclo di vita di materiali il cui smaltimento è complicato e dispendioso.

Infine, si può optare per la ricarica fai da te, gestita attraverso un apposito kit di ricarica che comprende una fialetta d’inchiostro, una siringa per l’inserimento del liquido e da un paio di guanti in lattice. In tal caso, per, prima di procedere con l’operazione è bene cercare informazioni specifiche sul proprio modello di stampante e documentarsi tramite forum di settore.

Risparmiare con le laser

La tecnologia laser rende il risparmio molto più complicato. Esistono toner compatibili ma si tratta di prodotti del tutto sconvenienti poiché di bassa qualità e potenzialmente pericolosi per l’ambiente e per la salute. Gli articoli provengono per la gran parte dal mercato asiatico e giungono in Europa senza l’approvazione né il controllo degli organi dell’UE. Si tratta di oggetti contenenti polveri di dubbia provenienza e che possono rivelarsi dannosi, a maggior ragione se si considera la mancanza di bollini o attestati di garanzia.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*