Fratoianni: “Il massacro della popolazione civile a Gaza non ha fine”



Oltre 10mila morti, di cui più di 4mila bambini.
Due milioni di persone senza acqua, corrente, cibo e farmaci.
Bombardamenti su scuole, moschee e ospedali.
Ospedali che devono interrompere le operazioni perché è terminato il carburante per i generatori d’emergenza. Ogni minuto muoiono malati, feriti e neonati nelle incubatrici.

Una catastrofe umanitaria, che non ha giustificazione alcuna

Dagli USA alla Francia, si moltiplicano le richieste di tregue umanitarie e di interrompere i bombardamenti su obiettivi civili.
Che aspetta il governo Italiano?
Che cosa deve succedere ancora?
Cessate il fuoco, liberazione degli ostaggi, riconoscimento dello stato Palestinese, isolamento del terrorismo e avvio di una reale trattativa diplomatica per portare Pace, diritti e libertà per il popolo palestinese e israeliano. Questa è l’unica strada.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Fratoianni: "Il massacro della popolazione civile a Gaza non ha fine"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 27475 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.