Tunisia, Coldiretti: sostegno alimentare contro l’emigrazione



Sostenere la sicurezza alimentare del Paese importatore netto di tantissime derrate alimentari, dai cereali ai prodotti lattiero caseari promuovendo il modello agroalimentare italiano per aumentare la food security e ridurre l’emigrazione. E’ questo l’obiettivo di Coldiretti e Filiera Italia nei numerosi incontri con le controparti pubbliche e private tunisine in occasione della Missione Italiana sulla sicurezza alimentare in Tunisia con la partecipazione dei Ministri degli Affari Esteri Antonio Tajani, dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida e del Ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone.

Valorizzazione rete

“Un modello opposto a quello predatorio e speculativo di altri Paesi basato invece sulla valorizzazione della rete delle tante piccole aziende locali, sul trasferimento di tecnologie di precision farming, smart irrigation, digitalizzazione finalizzato a produrre di più ma con minore risorse” ha affermato il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

“Un modello di cui la formazione è parte integrante sia per la creazione di valore aggiunto locale e quindi contrasto al fenomeno di una immigrazione senza controllo, sia per la qualificazione di figure professionali che attraverso flussi programmati e regolari di immigrazione possono essere messe a disposizione in Italia delle nostre aziende che ne hanno sempre più bisogno” ha concluso Luigi Scordamaglia amministratore delegato di Filiera Italia presente a Tunisi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Tunisia, Coldiretti: sostegno alimentare contro l’emigrazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.