Zelensky smentisce la Nato: “I missili in Polonia non sono nostri”

zelensky



Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha smentito le versione ormai dominante sui missili caduti ieri in territorio polacco, rilanciata anche dalla stessa Polonia oltre che da Nato e Russia, affermando di essere sicuro che i razzi che ieri hanno provocato due vittime a Przewodów “non sono ucraini”. Parlando con i cronisti, come riferisce il quotidiano Ukrainska Pravda, il capo dello Stato ha anche chiesto che Kiev faccia parte delle indagini su quanto avvenuto ieri e abbia accesso al luogo dell’incidente. Zelensky, sempre secondo quanto riportano i media di Kiev, ha detto di essere stato informato sull’episodio dal comando delle forze armate e dall’aeronautica di non poter far altro che “fidarsi” di queste fonti. Il presidente ha comunicato che nessuno ha ancora invitato Kiev ad avere un ruolo nell’inchiesta sui missili che hanno raggiunto la Polonia.

Varsavia

Il capo dello Stato di Varsavia, Andrzej Duda, ha dichiarato oggi che “dalle informazioni che abbiamo noi e i nostri alleati”, è “molto probabile che i missili che ci hanno colpito siano partiti dal sistema di difesa antiaereo ucraino“. Si tratterebbe di “razzi S-300 di fabbricazione sovietica” e “non ci sono prove del fatto che siano stati lanciati dai russi”. Di questa stesso opinione anche il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. Il massimo dirigente dell’Alleanza atlantica, parlando con i gioranlisti al termine di un incontro organizzato oggi di urgenza per discutere della situazione polacca, ha ribadito che “l’incidente è stato probabilmente causato da un missile ucraino lanciato in difesa dai continui attacchi perpetrati dalla Russia”. Ieri Mosca ha colpito diverse zone della regione di Leopoli, proprio la più vicina al confine polacco.

Fonte: agenzia dire

var url399118 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=399118”;
var snippet399118 = httpGetSync(url399118);
document.write(snippet399118);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24520 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.