Il migliore dei peggiori

euro



Il presidente del Consiglio Mario Draghi, è stato premiato a New York come migliore statista dell’anno. L’unto da Bruxelles ha ricevuto il riconoscimento dalla Appeal of Conscience Foundation. La fondazione gli ha conferito il premio World Statesman che in passato hanno ricevuto capi stato come Michail Gorbaciov, Angela Merkel e Shinzo Abe.

Un premio che, a mio avviso, non meritava di ricevere

In realtà Draghi avrebbe meritato il premio di peggior statista dell’anno. Al di là di quello che considera la maggioranza della stampa tricolore, Draghi non solo non è stato in grado di risolvere i problemi per i quali era stato chiamato (immaginate da chi…) a sostituire Giuseppe Conte ma ha posto in essere una politica che ha peggiorato di molto le condizioni di milioni di connazionali.

Durante il suo “regno” non l’ho mai sentito parlare realmente di lotta alla mafia così come la questione morale in politica non l’ha neanche sfiorata. Il lavoro da privilegio è diventato un miraggio. Sotto la sua mirabile azione governativa l’alternanza scuola-lavoro ha prodotto giovani morti (cosa ha fatto il sommo per impedirle?) mentre ogni giorno si registrano almeno 3 morti bianche.

E’ stato così bravo come statista che la magistratura ha criticato la riforma Cartabia.

La sua lungimiranza ci ha proiettato in una crisi energetica che affosserà migliaia di aziende e farà soffrire milioni di italiani, specie se anziani e con pensioni da fame. Per il sommo profeta Erdogan da dittatore è diventato interlocutore privilegiato.

Inflazione

L’inflazione nel suo “reame” ha di fatto eroso in molti italiani l’ultimo briciolo di dignità. In questi non solo i frigoriferi sono spenti e vuoti ma il buio è diventato un rifugio in cui ritirarsi per raccogliere i pensieri: quelli sullo schifo di uno stato insensibile di fronte alle loro sofferenze.

Da meno condizionatori e più pace si è passati a più pignoramenti e rischio guerra mondiale.

Personalmente non ho mai creduto alle sue virtù tanto meno ho pensato che avrebbe fatto gli interessi degli italiani, specie quelli in difficoltà.

Quanto ha fatto l’unto da Bruxelles in Grecia avrebbe dovuto aprire le menti dei miei colleghi

Molti di loro, invece, lo hanno accolto come si accoglie il “bambinello” sul presepe la sera della vigilia di Natale.

Draghi è stato così bravo che dopo la “trombata” della corsa al Quirinale, nonostante avesse ancora una maggioranza, ha di fatto alzato la bandiera bianca.

L’Italia affonda nel letame (e nel fango…); perché sporcarsi le mani per risollevarla?

In certi salotti le mani si sporcano per altro…

var url358686 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=358686”;
var snippet358686 = httpGetSync(url358686);
document.write(snippet358686);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24520 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.