Anche in Italia c’è una guerra che si combatte da decenni: quella dello sfruttamento del lavoro

guerra



Gli articoli 23-24 e 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani così recitano:

“Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell’impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ed alla protezione contro la disoccupazione. Ogni individuo, senza discriminazione, ha diritto ad eguale retribuzione per eguale lavoro

Ogni individuo ha diritto al riposo ed allo svago, comprendendo in ciò una ragionevole limitazione delle ore di lavoro e ferie periodiche retribuite.

Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.

La maternità e l’infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale”.

Gli articoli 4, 35 e 36 della nostra Costituzione così recitano

“La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni. Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori. Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro.

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se’ e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge”.

Parliamo di principi e diritti fondamentali che ogni essere umano e che ogni cittadina/o italiano dovrebbero godere.

La realtà, però, parla di disoccupazione, di lavoro nero, di morti sul lavoro in aumento esponenziale e negli ultimi tempi a riempire tristemente le cronache sono le morti di giovanissimi coinvolti nell’alternanza scuola/lavoro.

Le preoccupazioni, però, dei migliori che ci governano sono rivolte ad altro

Serve ubbidire alla richiesta di invio di armi in Ucraina? Ecco subito i decreti secretati. “Alcuni” chiedono di aumentare la spesa militare di 12 miliardi? “Sì, signori, obbedisco!” tuona l’unto da Bruxelles.

Sfruttamento

C’è una guerra che da decenni si combatte sul suolo italico ed è quella dello sfruttamento. Una guerra che ha mietuto tante vittime e che ha distrutto la vita di milioni di italiani. Guerra che mortifica le vite quotidiane di italiani che vedono un lusso la possibilità di comprare un paio di scarpe diverso da quello che utilizzano ogni santo giorno.

Sfruttamento che cancella il futuro di una nazione che mese dopo mese diventa sempre più vecchia perché i suoi cittadini non possono (e per alcuni imprenditori non devono) fare figli. Uno stato che permette ciò è condannato a perire anche in maniera atroce.

Démodé

Le parole buste paga, ferie, risparmio e pensioni appartengono ad un linguaggio arcaico.

Oggi sono di moda la “settimana”, lo “straordinario che diventa ordinario perché se lavori 10 ore o 14 ore al giorno sempre 20 euro prendi” e il ringraziamento al “masto” di turno perché già è tanto se “scendi” a lavorare.

L’altro ieri, mentre facevo zapping, mi è capitato di ascoltare le parole di un ex ministro che asseriva che 800 euro sarebbero una pensione più che dignitosa.

Ho subito pensato: “Grandissimo str…. con 800 euro a stento ci pagavo (visti gli aumenti…) il fitto e le bollette! Come vuoi che campi un settantenne (se ci andrà bene e arrivano andremo in pensione a 75 anni) a cui serviranno anche tanti farmaci?”.

A proposito di farmaci: mezzo milione di italiani non ha soldi per comprarli…lo stronzo di cui prima cosa dice in merito?

Una guerra che ha spinto milioni di famiglie a vivere in regime di povertà

Povertà economica che trasforma le vittime in analfabeti civili e, quindi, li condanna alla schiavitù.

In un quadro così desolante si aggiungono coloro che vogliono abolire il reddito di cittadinanza. Gli stessi che o non hanno mai lavorato o hanno introdotto riforme apripista allo sfruttamento.

Invece di parlare di salario minimo e di sicurezza sul lavoro questi mestieranti della mala politica cianciano di togliere l’unico strumento che consente a milioni di italiani di non annegare nella povertà. Grandissimi str…. che non conoscono il sudore del lavoro vero e che fingono non sapere che oltre la metà dei percettori del RdC o lavora (quindi è un’integrazione ad un salario da fame) oppure è inabile al lavoro. Invece di migliorare uno strumento di civiltà, vogliono abolirlo, magari per finanziare le industrie belliche.

A questi grandissimi str…. ricordo che a 16 anni non si deve lavorare ma si deve solo studiare. Cari str…. la scuola deve preparare alla vita e non solo al mondo lavorativo.

Carissimi str…. si lavora per vivere non viceversa; soprattutto non si deve morire di lavoro! Carissimi str…. perché non parlate di evasione fiscale, di società offshore, di delocalizzazione, di società fittizie, delle fatture false e di contributi statali percepiti indebitamente?

La guerra dello sfruttamento la si combatte e vince con un’arma invincibile: la cultura.

E’ solo con la conoscenza che è possibile conoscere e sconfiggere un nemico che ha tanti volti ma un comun denominatore: volerci ignoranti e assuefatti allo status quo.

Un uomo colto è anche un uomo del dubbio, che si pone degli interrogativi sulle dinamiche che lo circondano. Dubbi che portano inevitabilmente ad immaginare diverse alternative.

Più si conosce e più si ha modo di scoprire diversi punti di vista e, quindi, alternative.

Libertino Faussone

Concludo con una frase di Libertino Faussone, protagonista del romanzo “La chiave a stella” di Primo Levi

“Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra: ma questa è una verità che non molti conoscono”.

Levi nel suo romanzo dimostrò che quello tra l’uomo e il proprio lavoro è (dovrebbe) essere una connessione felice e non un rapporto oppressivo.

In una società che premia l’arrivismo, il leccaculismo, l’appartenenza a dei clan e che non conosce più il significato della parola etica, le parole di Levi sono un formidabile fucile di sapienza da usare nella guerra contro lo sfruttamento.

var url283667 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=283667”;
var snippet283667 = httpGetSync(url283667);
document.write(snippet283667);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23721 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.