Una nazionale alla frutta

nazionale



Un gol di Aleksandar Trajkovski della Macedonia del Nord elimina dai Play Off mondiali la nazionale. Una disfatta che umilia il popolo azzurro, costretto a guardare anche questa edizione senza essere parte coinvolta.

Una figuraccia che nei fatti è ancora più grave di quella collezionata dal gruppo capitanato all’epoca da Gian Piero Ventura poiché ci sono le aggravanti di essere i campioni d’Europa in carica e l’aver giocato contro una squadra mediocre.

L’eliminazione arriva, poi, dopo un girone nel quale contro gli “squadroni” Bulgaria e Irlanda del Nord la super nazionale del fulgido condottiero Roberto Mancini ha fatto cilecca per non dire schifo.

La macedonia di figure di menta ha radici lontane e colpevoli precisi

L’anno scorso chi osava dire che il successo continentale degli azzurri è stato una grandissima botta di cu…ops fortuna, veniva etichettato come acido e livoroso che non capiva nulla di calcio. Detto tra noi, l’affermazione europea mi ha fatto godere come un riccio soprattutto perché inaspettata. Era evidente che la nostra nazionale non era la migliore e che tra i nostri alfieri non c’era neanche l’ombra di un fuoriclasse e questi aspetti hanno reso ancora più saporita la vittoria. I ragazzi erano stati straordinari e bravi nel capitalizzare la fortuna. Purtroppo, però, gran parte della nostra stampa ha subito alimentato la falsa speranza della rinascita del calcio nostrano: finalmente l’inversione di rotta! “Anfatti!”. Invece di dire la verità si sono costruite bugie; nel frattempo la corazzata del prode Mancio steccava nel girone di qualificazione.

Si arriva, così, ai Play Off la cui vigilia vedeva la solita stampa preoccuparsi delle difficoltà che avrebbero patito i campioni nella sfida decisiva contro il Portogallo. Il neo vate della panchina in una conferenza prima del match contro la Macedonia del Nord (che ricordo essere 62esima nel ranking FIFA) ha tuonato che “Andremo al mondiale e lo vinceremo anche!”. Perbaccolina…In realtà queste parole hanno malcelato un nervosismo che, poi, si è capito il perché: la squadra faceva ed ha fatto pena.

La vergogna di ieri sera dovrebbe essere foriera di un bel bagno di umiltà per tutti, partendo da chi ha fatto convocazioni a caso e schierato formazioni dubbie fino ai giocatori che dopo il successo europeo si sono sentiti invincibili.

Doppio bagno

Al portiere, poi, consiglio anche un buon paio di occhiali ed un doppio bagno di umiltà: non ha visto partire in tempo un tiro da oltre 30 metri. Un portiere alto 1,96 metri che in un match cruciale, nelle battute finali non vede partire un tiro non da Luka Modric o da Jamal Musiala bensì da uno che fino a ieri neanche gli amici sapevano essere un centrocampista. Altro che portiere più bravo al mondo…

Spero che Mancini abbia sciolto la riserva sulle sue dimissioni e che le rassegni il prima possibile. Soprattutto spero che i nostri club puntino davvero sui vivai e che si ritorni a lasciare liberi i ragazzi di divertirsi mentre giocano; il talento va assecondato e deve essere libero di crescere. Invece si punta sin da subito sulla fisicità e sul tatticismo con il risultato che in campo ci sono meno dribbling e più palestrati. Altro aspetto da sradicare è quello legato alle raccomandazioni: molte giovanili subiscono l’influsso dell’amico dell’amico che non può non giocare altrimenti lo sponsor o l’assessore di turno ci rimangono male.

Occorre, poi, abolire sin da subito il decreto crescita per il calcio. E’ una norma che si è trasformata in un boomerang per il mercato interno poiché permette l’arrivo dall’estero di una pletora di calciatori non tanto forti che risultano, però, meno costosi rispetto a quelli da prendere sul mercato interno, seppur più bravi.

Infine occorre scardinare un sistema che favorisce alcune note le quali, senza aiutini e con bilanci a dir poco disastrosi, dovrebbero giocare le loro partite nelle aule dei tribunali e non negli stadi.

Una curiosità: dove sono quelli che l’anno scorso parlavano di effetti Draghi sul calcio?

 

Fonte foto: sito figc

var url253464 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=253464”;
var snippet253464 = httpGetSync(url253464);
document.write(snippet253464);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23721 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.