Ucraina, Draghi: “Temiamo tempi molto lunghi della guerra”

draghi



“È indispensabile mantenere l’unità di intenti e di azioni dell’Unione europea, che ci vede in prima linea”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel corso del Question time alla Camera dei Deputati sulla crisi ucraina. “Voglio ringraziare tutte le forze politiche, e in particolare l’opposizione, per la grande prova di unità e spirito costruttivo dimostrati nella gestione della crisi – ha aggiunto il premier – Sono certo che l’Italia farà la sua parte fino in fondo. Come sempre nel dramma, nell’emergenza e nel terrore ci scopriamo migliori di quello che pensiamo di essere”.

Draghi però ha avvisato: “Tutte le misure disposte per l’accoglienza dimostrano la solidarietà messa in campo dal nostro Paese ma molto di più andrà fatto, per i tempi di guerra, che si teme non saranno brevi ma molto lunghi. La forza di un Paese e di una democrazia si misurano anche con la capacità di difendere i valori della dignità umana, della pacifica convivenza e dell’amicizia tra i popoli. In questo senso il mio pensiero va anche ai tanti cittadini russi che condividono questi valori e condannano le violenze commesse ai danni del popolo ucraino”.

I NUMERI DEI PROFUGHI UCRAINI

“All’8 marzo in Italia erano arrivati 21.095 cittadini ucraini, oggi sono 23.872, entrati soprattutto dal confine italo-sloveno. Oltre il 90% è costituito da donne e bambini – ha osservato Draghi – Il flusso è destinato ad aumentare. Voglio ringraziare tutti coloro che si sono mobilitati personalmente per aiutare la popolazione ucraina, offrendo solidarietà e assistenza ai profughi che stanno arrivando in Italia. Ringrazio particolarmente i sindaci e tutti gli esponenti del Terzo settore“.

“NESSUNA DEROGA SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA”

“Non abbiamo nessuna intenzione di derogare alle politiche di sanzione che sono condivise con gli alleati e dobbiamo fare di tutto per renderle sostenibili al nostro interno“, ha precisato Draghi sulle strategie per frenare i piani di Putin. “Le sanzioni servono ad applicare la massima pressione possibile sul governo di Mosca perché cessi le ostilità e riprenda la diplomazia. L’impegno sul fronte sanzionatorio da parte dell’Italia è stato attuato con coraggio ed equità – ha ricordato il premier -. Tutto questo impegno deve essere uguale all’impegno per aiutare famiglie e imprese in questa situazione e sostenere soprattutto i più deboli. Queste sanzioni come è prevedibile non dureranno poco e devono essere sostenibili o ci si trova in grande difficoltà”.

“RIPENSARE LE REGOLE UE SUL BILANCIO”

Il Governo è in campo “per la sopravvivenza delle nostre imprese“. Lo dice il premier Mario Draghi rispondendo all’interrogazione della Lega sugli obiettivi del Pnrr. Le “regole di bilancio erano in generale inadeguate” prima della crisi ucraina “ma vale ancora di più oggi. Queste regole non tengono conto delle priorità strategiche degli ultimi due anni: in particolare clima, energia, difesa. Occorre ripensare le regole generali”. Per la transizione, “certe pratiche di tipo autorizzativo non sono più giustificate, la transizione è sospendere certe norme in tempo di guerra“.

“OBIETTIVI PNRR SI POSSONO CAMBIARE, MA PROCESSO NEGOZIALE PREMATURO”

“Per quanto riguarda il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, la normativa europea prevede la possibilità di chiedere alla Commissione europea una revisione dei suoi obiettivi. In particolare, gli Stati membri possono chiedere modifiche dei Piani Nazionali in presenza di situazioni oggettive che mettano a rischio il conseguimento dei relativi obiettivi – ha osservato Draghi – Si tratta di un’evenienza eccezionale che richiede un nuovo processo negoziale con le autorità europee, che è ancora prematuro prospettare in questa fase”.

“Allo stesso tempo – ha aggiunto il premier – l’analisi sull’effettivo impatto delle criticità connesse al conflitto in corso sulla realizzazione degli interventi del Pnrr ci consente di valutare i rischi e di prendere nuovi provvedimenti. Voglio ribadire che il Governo pone tutta la sua attenzione alla realizzazione del Pnrr e all’impatto dei costi dell’energia e delle materie prime sulla nostra economia. Quindi noi continueremo a sostenere il nostro sistema produttivo”.

“AL LAVORO PER DIMINUIRE DIPENDENZA DA GAS RUSSO”

“Siamo al lavoro per diminuire la dipendenza dal gas russo in tempi rapidi. È necessario farlo. Siamo impegnati per diversificare le forniture e aumentare le fonti rinnovabili: questa è l’unica strategia nel lungo periodo”, ha sottolineato il presidente del Consiglio. “Quello che è incredibile è che la quota di gas russo è aumentata molto negli ultimi 10-15 anni, anche dopo l’invasione della Crimea. Questo dimostra una sottovalutazione di politica estera e internazionale“.

Fonte: agenzia dire

var url247857 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=247857”;
var snippet247857 = httpGetSync(url247857);
document.write(snippet247857);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23705 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.