Fratoianni: “Il Recovery Plan doveva essere il progetto dell’Italia intera, ma non sarà così”

recovery plan



Il Recovery Plan doveva essere il progetto dell’Italia intera, lo sforzo corale per una rinascita e un riscatto possibili.
Purtroppo però è tempo di prendere atto che non sarà così.
La scadenza è fissata al 30 aprile: a pochi giorni dalla sua consegna nessuno conosce davvero il piano riscritto dai tecnici del governo. Non lo conosce il Parlamento, né le forze economiche, sociali e civili del paese.

Certamente ci sarà un veloce e formale giro di consultazioni

Ma è chiaro che nessun contributo reale e sostanziale potrà venire in così poco tempo.
Peccato davvero. Se non avessimo perso due mesi con la crisi e il cambio di Governo, il piano che era stato preparato avrebbe potuto attraversare i territori e i luoghi innovativi del paese, avrebbe potuto essere discusso, rivisto, migliorato.
Invece così al Parlamento non resta quasi che incrociare le dita: sperando che nella scrittura del Recovery Plan #Draghi abbia concentrato davvero quelle energie ‘migliori’ che su tutto il resto abbiamo visto chiaramente mancare.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21146 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.