Fiumicino, in aereo con diversi ovuli nel corpo: fermata nigeriana

aeroporto fiumicino



Nell’ambito dei servizi mirati alla lotta contro il traffico internazionale di sostanze stupefacenti, gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato San Lorenzo e della Polaria di Fiumicino hanno scoperto che una 51enne di origini nigeriane effettuava, ogni 15 giorni, viaggi verso il proprio paese natale.

Ad insospettire gli agenti

Ad insospettire gli agenti il fatto che O.P.D., queste le sue iniziali, residente nel quartiere di Tor Bella Monaca e con precedenti di polizia per reati inerenti gli stupefacenti, partiva dall’aeroporto di Fiumicino per raggiungere il suo paese d’origine ma tornava utilizzando quello di Milano Malpensa, per poi arrivare a Roma con autobus privati.

Approfittando dello scalo romano dell’aereo sul quale la donna stava viaggiando, gli investigatori hanno iniziato a controllare i passeggeri e si sono accorti che la 51enne cercava di farsi largo tra le persone per evitare i poliziotti.

Bloccata dalla polizia

Bloccata dagli stessi, è apparsa subito nervosa ed evasiva nonostante nel suo bagaglio non nascondesse nulla; accompagnata in ospedale per ulteriori accertamenti, è risultato che la donna stava nascondendo, all’interno della sua vagina, un ovulo contenente 225 grammi di eroina.

O.P.D. è pertanto finita in manette per il reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti ed è stata portata, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nel carcere di Rebibbia.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14765 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.