Domotica: pro e contro delle Smart Home

domotica



In un’epoca in cui la tecnologia la fa ormai da padrona, anche la casa diventa “intelligente” per migliorare lo stile e la qualità di vita di chi vi abita. Ma in che modo? Scopriamolo insieme con questa breve guida al mondo della domotica.

Avere una casa “connessa” permette di gestire elettrodomestici e impianti direttamente da remoto alla velocità di un click. Illuminazione a controllo vocale, oggetti che prendono vita, sistemi in grado di dialogare con il nostro smartphone… sono solo alcune delle innumerevoli applicazioni della domotica, una nuova branca dell’ingegneria che sfrutta sistemi tecnologicamente avanzati per migliorare la qualità della vita e la sicurezza delle persone.

A dispetto di quanto si possa pensare, qualsiasi abitazione può diventare smart equipaggiandola con apparecchiature e dispositivi elettronici che l’utente può accendere e controllare a distanza. Molte aziende del settore, come Vimar, Gewiss e Somfy, propongono diverse soluzioni finalizzate alla realizzazione di impianti domotici completi e funzionali, ma anche in rete e sugli store online si possono acquistare numerose componenti da integrare in una casa “intelligente”.

In questo articolo cercheremo di approfondire l’argomento e vi daremo qualche dritta su come creare una home smart efficiente e sicura.

Cos’è una smart home e come funziona

Dal punto di vista etimologico, il termine domotica deriva dall’unione delle parole latine “domus”, casa, e “ticos”, ossia gli ambiti di applicazione. Una casa domotica, quindi, si basa sull’integrazione di componenti elettroniche (luci, sistemi di riscaldamento, serramenti, elettrodomestici e via dicendo) in grado di interagire tra loro attraverso un protocollo di comunicazione, che può essere cablato, wireless oppure misto.

Grazie a un sistema informatico di controllo, vengono inoltre monitorati i parametri ambientali per azionare o regolare automaticamente i dispositivi presenti in casa per aumentarne l’efficienza energetica e migliorarne, al contempo, le prestazioni.

In linea di massima, quindi, tutte le tecnologie installate all’interno di una smart home hanno in comune tre obiettivi strategici: (1) assicurare un maggiore risparmio sui consumi attraverso l’efficientamento energetico di impianti ed elettrodomestici; (2) gestire le risorse in modo intelligente per ridurre l’impatto ambientale dell’abitazione; (3) massimizzare il comfort abitativo grazie ad apparecchiature e sistemi capaci di svolgere funzioni autonome o programmate direttamente dall’utente.

I vantaggi della domotica

Come avrete sicuramente intuito, i benefici di una smart home sono davvero numerosi. Partendo dal risparmio energetico, personalizzare il funzionamento di impianti ed elettrodomestici in base alle proprie esigenze permette sia di ridurre gli sprechi sia di programmare l’accensione dei vari dispositivi solo quando necessario.

Oltre a ottimizzare l’efficienza energetica della propria abitazione, sarà inoltre possibile monitorare i consumi in modo preciso e tempestivo per tenere sotto controllo i costi delle utenze ed evitare autentici salassi in bolletta.

Altro vantaggio derivante dall’utilizzo della domotica è sicuramente la comodità: la gestione dei sistemi automatizzati diventa praticamente immediata grazie alla possibilità di poter controllare da remoto l’accensione e la regolazione di luci, termosifoni, apparecchiature elettroniche e tutti i dispositivi smart connessi al wifi.

A trarre beneficio dall’automazione della casa sono anche anziani e persone con disabilità motorie, grazie ad apparecchi e dispositivi studiati appositamente per migliorare la sicurezza domestica e raggiungere una sensazione perfetta di comfort.

Inoltre, rendere la propria abitazione “intelligente” non è affatto complicato, dato che esistono tantissimi prodotti diversi che si possono integrare e controllare tramite un’unica applicazione, come Alexa o Google Assistant. Naturalmente, ogni dispositivo va comunque configurato e associato all’assistente “virtuale” per controllarne le funzionalità a distanza, ma le difficoltà di installazione sono comunque molto basse.

E gli svantaggi

Per quanto la domotica si riveli particolarmente utile per chi desidera migliorare la qualità abitativa, questo non significa che sia esente da rischi e svantaggi. In effetti, una delle preoccupazioni principali legate all’automazione domestica riguarda soprattutto la privacy, visto che quando si parla di tecnologia gli attacchi da parte di hacker e malintenzionati sono sempre dietro l’angolo.

Altro punto a sfavore è legato ai problemi tecnici o di connessione che potrebbero verificarsi in qualsiasi momento, inficiando di conseguenza la possibilità di poter controllare i vari dispositivi presenti in casa direttamente da remoto.

Fortunatamente, le grandi aziende del settore stanno adottando soluzioni sempre più innovative e all’avanguardia per ridurre sia la vulnerabilità degli impianti “smart” agli attacchi esterni sia le limitazioni dovute alla connessione, per cui è sempre consigliabile affidarsi a brand seri e rinomati che assicurino un rapido supporto in caso di necessità.

Infine, un’ultima falla della domotica potrebbe riguardare la compatibilità: per poter interagire con le diverse apparecchiature integrate, ogni dispositivo deve risultare compatibile con il protocollo di comunicazione wireless utilizzato, in modo da poterli controllare da remoto e farli comunicare con altri device.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14766 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.