Il Reddito di Cittadinanza tra i suoi detrattori e Draghi

draghi



Mentre l’Europa sta per imporci alla guida del paese il (suo) figliol prodigo Mario Draghi, l’austero uomo dei derivati e della letterina di licenziamento di Silvio Berlusconi, ancora sento dire stupidaggini sul reddito di cittadinanza.

Tra queste quella che più mi fa arrabbiare e ridere è quella secondo cui i percettori del reddito che avrebbero ricevuto un’offerta di lavoro sarebbero troppo pochi e che, quindi, continuano a godersi il sussidio senza fare nulla.

Come si direbbe dalle mie parti “Ma allora sîte strunze?” che tradotto più o meno sarebbe “Orbene, per quale strano motivo vi sfugge la verità dei fatti?”.

Dove sono tutti questi posti di lavoro da offrire ai percettori del reddito di cittadinanza?

Una domanda sorge spontanea: se in Italia c’è così tanto lavoro, perché c’è bisogno, al contempo, del reddito di cittadinanza?

Sul lavoro ci sarebbe, poi, da dire che si intende come tale anche la miseria che sono costretti a vivere i riders?

Ricordo ai detrattori del reddito di cittadinanza che dal 1 aprile accanto al canonico scherzo, ci sarà lo “scherzetto” di ben 1 milione di licenziamenti; un dramma epocale.

Ai detrattori del RdC, purtroppo, hanno insegnato che la povertà è sempre solo colpa dei poveri; un pensiero che non tiene conto della realtà dei fatti.

Un pensiero, però, mi conforta: a guardare come vanno le cose, tra poco toccherà anche a gran parte dei detrattori affrontare certi drammi e per fortuna loro ci sarà il reddito di cittadinanza ad evitare che cadano nella povertà assoluta. Avranno, poi, anche modo di capire che la povertà non è colpa dei poveri, anzi…

Wow, tra poco ci sarà al timone del paese Mario Draghi, hip hip urrà!

Spè, quelli che lo appoggeranno sono contrari al reddito di cittadinanza e, ad oggi, invece di creare posti di lavoro, hanno creato solo precariato, sfruttamento e disoccupazione.

Dalle mie parti si direbbe “Non sputare in aria che in faccia ti ritorna”, ma chest è n’ata storia…

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21405 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.