L’intelligenza artificiale aiuta i videogiocatori a creare giochi del futuro

L'intelligenza artificiale



Durante gli ultimi 15 anni i passi in avanti che sono stati effettuati in termini di evoluzione tecnologica per il settore del gaming hanno dato un punto di vista completamente diverso nel campo dei giochi digitali. Si tratta di un settore che continua a stupire, sia a livello creativo, sia per quanto concerne la tecnologia messa in pratica. Un po’ quello che era successo tra la seconda metà degli anni ottanta e i primi novanta, nel campo degli effetti speciali visivi da parte della Industrial Light & Magic di George Lucas. Certamente un certo tipo di cinema e specialmente quello che riguarda l’animazione ha lavorato di pari passo con l’innovazione che oggi più frequentemente ritroviamo nel mondo dei videogames. Un settore in rapida evoluzione che oggi mette in campo tutte le sue competenze e capacità, inclusa quella dell’AI, ossia l’intelligenza artificiale.

L’AI può aiutare gli sviluppatori di gaming a creare un gioco a cui gli utenti desiderano giocare?

Nel corso degli ultimi mesi sono stati pubblicati su siti specializzati, intriganti articoli che trattano il tema dell’intelligenza artificiale e come questo campo possa essere utilizzato e sfruttato per il campo e il settore della videoludica. Partiamo un po’ da qualche tempo prima, cioè quando i videogames venivano sviluppati e scritti a mano, come ci ha mostrato nella finzione un ottimo prodotto Netflix quale Bandersnatch, che tolte alcune estremizzazioni del caso, mostra da vicino il processo di realizzazione di un gioco per come veniva lavorato durante gli anni ottanta. Da lì in poi la tecnologia ha effettuato molti passi in avanti, che hanno aiutato in maniera massiccia i programmatori e i creativi che ci sono dietro un progetto di videogames. In questo contesto si inseriscono i casino online.

I giochi d’azzardo sono tra le realtà più consolidate nel settore dei giochi online, da oltre un decennio ci sono siti che propongono giochi di casino digitali i quali svolgono attività ludiche osservando le regole di concessione e di autorizzazione necessarie per questo tipo di attività. Durante gli ultimi anni il gioco legale ha aumentato i propri volumi di traffico, grazie anche al successo ottenuto dalle principali attrattive che vengono praticate principalmente attraverso le app di gioco per smartphone e tablet, un risultato di concertazione tra l’industria del gambling e il mondo dei software di ultima generazione. Tra i giochi maggiormente diffusi e praticati troviamo sul web molti articoli con strategia su come giocare alla roulette europea, ma anche testi sui giochi di abilità come il baccarat, il poker e soprattutto il blackjack online.

Alcuni esempi pratici di giochi che sono all’avanguardia a livello tecnologico

Prendiamo ad esempio alcuni titoli di culto degli ultimi dieci anni come Titanfall 2, Dishonored, The Last of Us e Dark Souls, solo per citare qualche titolo che ha fatto scuola durante questi ultimi tempi. Secondo la rivista Esquire.com questi sono i giochi piò originali e innovativi che sono stati lanciati sul mercato della videoludica durante il decennio 2010-2019. Parliamo quindi di giochi dove coesiste in maniera splendida una idea originale e innovativa di grafica moderna, di audio turbo, giochi che sono stati capaci di plasmare un nuovo immaginario, ma per farlo c’è stato bisogno di un grande lavoro, di dimensioni titaniche alle spalle. Perché se è vero che la creatività sta dietro una valida idea a costo zero, è anche giusto affermare che certi progetti devono essere realizzati con imponenti risorse, se devono essere svolti per funzionare sul serio e per colpire l’immaginario collettivo del 2.0, sempre più allenato a comprendere questa nuova forma di intrattenimento che è la videoludica odierna.

Il ruolo dell’AI per il settore del gioco digitale odierno

Proprio in questo campo il ruolo che può svolgere l’AI risulta quindi fondamentale. Abbiamo già visto come i giochi in realtà aumentata possano traghettare il concetto di gaming verso una dimensione altra. Ora bisogna solo capire meglio come l’innovazione dettata dall’intelligenza artificiale possa essere messa in relazione e a contatto con il mondo dei videogames contemporanei. Del resto la storia dell’IA e quella del gaming si sono più volte intrecciate inesorabilmente. Non a caso i primi ricercatori di intelligenza artificiale vedevano giochi come gli scacchi come indicatori di intelligenza e quindi un adeguato banco di prova per il loro lavoro. Una delle primissime cose che le persone hanno cercato di fare con questo tipo di tecnologia in crescita è stato convincerlo a giocare a scacchi e farlo bene, e, ovviamente, alla fine è successo anche con giochi di ultima generazione. Le dichiarazioni recenti di Matthew Guzdial, ricercatore di intelligenza artificiale presso l’Università di Alberta è un chiaro segnale di come l’AI sia sempre più orientata verso giochi maggiormente complessi e dinamici capaci di spingere oltre le barriere sperimentate l’idea di gaming e quella di intelligenza artificiale stessa.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.