Trump, il terrorismo domestico, il razzismo e la democrazia

donald trump



Forse Hillary Clinton non è stata una candidata sufficientemente pulita ma, nel 2016 Trump vince con 306 grandi elettori quando ne bastavano 270. Sembra a prima vista un successo pieno. Qualcuno, pochi in verità, si esalta ma il mondo subisce un attimo di pausa e sembra che nella democrazia americana qualcosa sia andato storto.

È vero?

L’analisi attenta di molti statistici rivela che non solo Hillary stravince nel voto popolare, cosa mai andata giù a Trump, ma qualcosa è nascosto sotto quanto appare comunque favorire i repubblicani.

Molti parlano di soppressione del voto

Il fenomeno è frainteso ed i conservatori provano a minimizzarlo. Dicono: “Negli Stati Uniti votano sempre poche persone e sembra che neri e minoranze preferiscano stare a casa.” Qualcuno invece parla di azioni dei repubblicani che riescono a far disamorare dal diritto di voto abbastanza neri ed i democratici perdono. Potrebbe sembrare strano a chi non viva negli Stati Uniti. Analizzando il voto si nota che alcune delle vittorie nei singoli stati con piccolo margine di Trump avvengono dove i repubblicani hanno il potere a livello statale e ci sono state varie “purghe” di votanti neri ad opera dello stato in questione.

Sembra che il concetto venga condiviso da molti ma nessuno fa qualcosa con un eccezione: Stacy Abrams.

Vive ed agisce nello stato della Georgia

Si dedica per anni a far registrare giovanissimi e neri alle votazioni. Negli Stati Uniti non si ha diritto di voto, bisogna registrarsi e restare registrati. Se il governatore è repubblicano e trova una scusa più o meno plausibile può, con un click del computer, epurare dalla lista centinaia di migliaia di aventi diritto al voto. Sono i cittadini a dover assicurarsi di essere nella lista, altrimenti alle elezioni successive non possono votare. Stacy Abrams, e l’organizzazione da lei fondata, registrano centinaia di migliaia di elettori nello stato della Georgia che normalmente non avrebbero avuto sicurezza del voto: studenti che cambiano indirizzo, persone che si divorziano, ragazzi che vanno a vivere da soli etc. Spessissimo questi sono eliminati negli stati controllati dai repubblicani. Grazie a lei, non solo la Georgia vota per Biden assicurandogli la vittoria, ma i due rappresentanti al senato americano sono entrambi democratici dando al nuovo presidente la maggioranza che gli permetterà di scegliersi i ministri, proporre giudici, promulgare leggi. In una parola governare.

Ci sono problemi con la democrazia americana?

I repubblicani vogliono vincere per vincere non perché credono in qualcosa. Per Trump sono stati pronti a rinnegare qualsiasi ideologia. Prima erano contro la Russia, definito l’impero del male, adesso Trump è amico di Putin. Anche il classico dogma dei conservatori è sovvertito da Trump: la sua amministrazione è quella che fa più debiti nella storia. I repubblicani credono nella famiglia e quella di Trump lascia a desiderare con lui alla terza moglie. I repubblicani credono nella libertà dei singoli stati di amministrarsi e quando non viene bene a Trump lo stato deve sottostare alla struttura federale. Il problema più grande è che Trump non crede alla democrazia ed adora avere un nemico da ridicolizzare. Clamorosamente ne combina di tutti i colori ed i conservatori restano stabilmente nel suo campo. Alle elezioni 74 milioni di persone dicono che il bugiardo più acclamato della storia americana, il presidente che ha speso più di tutti va bene per loro. Biden vince con 81 milioni di voti ma è importante notare che i repubblicani non credono neanche alla democrazia. Questo, mentendo spudoratamente, chiama a raccolta i suoi più accaniti sostenitori, che credono a qualsiasi cosa lui dica perché fa loro comodo, per far sovvertire le elezioni e questi arrivando a Washington arrivano ad uccidere.

Reagan definiva la democrazia americana come la città scintillante sulla collina che tutto il mondo ammira o invidia.

Il 6 gennaio 2021 sulla collina abbiamo scoperto le ipocrisie dei repubblicani e la falsità della loro convinzione. Anche dopo il terrorismo domestico, i disordini e le persone morta all’interno del palazzo del congresso, qualche repubblicano ha obbiettato a quella che per tutti è stata una vittoria giusta ed inconfutabile di Biden.

Che Trump sia razzista e con lui una buona fetta di America non ci sono dubbi. Che Trump abbia abusato del proprio potere non ci sono dubbi. Si è salvato dall’impeachment solo perché quasi tutti i repubblicani lo temono, cosa che fanno ancora oggi. Nessuno ha detto che non aveva fatto quello di cui era accusato. Si salverà anche dall’aver istigato alla violenza ed esserci scappato il morto? Quasi sicuramente si. Biden è troppo una brava persona per fare almeno una volta quello che Trump avrebbe fatto 100 volte.

Ci sono problemi con la democrazia americana?

Sembra proprio di si. Fino ad oggi ho sempre detto che Trump mi piace perché smaschera l’ipocrisia dei repubblicani. A loro non interessa di essere smascherati, continuano come se non fosse successo nulla. La città sulla collina di Reagan ne risente e con lei il mondo che crede nella democrazia. La mia domanda è sempre la stessa: perché circa 100 milioni di americani non votano mai? Loro ci credono alla democrazia? Non ho risposta anche dopo 30 anni di vita negli Stati Uniti. Il simbolo planetario della democrazia non funziona, non ha vergogna di se e si premette di giudicare tutti. Resta la prima potenza economica mondiale. Forse è questo? Fintanto che si può sognare di diventare ricchi tutto funziona? Che democrazia!

Stacey Abrams vince e con lei chi crede nella partecipazione. La democrazia non è un sistema di governo, è un fuoco che va alimentato sempre. L’America del sogno economico è falsa razzista e spregiudicata. Attenti a seguire falsi idoli. Io resto innamorato della mia terra.

Giulio Della Rocca

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.