Ostia, i Carabinieri arrestano 2 persone per maltrattamenti in famiglia e atti persecutori

carabinieri ostia



Due episodi di maltrattamenti in famiglia con l’arresto dei rispettivi conviventi da parte dei Carabinieri della Compagnia di Ostia.

Nel primo caso, i Carabinieri della Stazione di Acilia hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma, arrestando un 34enne, già sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento all’ex convivente, per atti persecutori.

Il giudice ha emesso il provvedimento di aggravamento della pena, concordando in pieno con le risultanze delle indagini dei Carabinieri, avviate in relazione a una serie di violazioni della misura restrittiva a cui l’uomo era sottoposto.

Ad Ostia, i Carabinieri hanno arrestato, in flagranza di reato, un 47enne del posto, disoccupato e con precedenti, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, ai danni della 40enne moglie convivente. I militari sono intervenuti, a seguito della richiesta della donna giunta al NUE 112, presso l’abitazione della coppia, in quanto l’uomo, in evidente stato di ubriachezza, poco prima si era scagliato contro la moglie, con un coltello da cucina, minacciandola di morte. L’esagitato è stato bloccato dai militari ed associato presso la casa circondariale “nuovo plesso” di Velletri.

I Carabinieri continuano a mantenere alta l’attenzione sugli episodi di violenza maturati in ambito familiare, in relazione anche agli eventuali atti persecutori, intervenendo in maniera ferma e tempestiva in tutti quei casi del cosiddetto “Codice Rosso”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12802 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.