Gli itinerari segreti della Capitale: ecco i luoghi meno conosciuti di Roma

Gli itinerari



Il Colosseo, i Fori Imperiali, la Fontana di Trevi: questi sono solo alcuni dei più rinomati monumenti presenti nella città di Roma, punti di riferimento del turismo internazionale e attrazioni dall’indescrivibile valore storico-artistico che tutto il mondo ci invidia. Decine di milioni di visitatori da ogni parte del globo arrivano ogni anno nella capitale d’Italia per ammirare da vicino palazzi, piazze e statue uniche nel loro genere e, ovviamente, i resti di quella che fu un tempo la “caput mundi”, ovvero la città più importante del mondo.

Ma accanto a tutto questo, Roma offre anche una serie di itinerari meno conosciuti e battuti dal grande pubblico, una sorta di città segreta che merita pienamente di essere vissuta e scoperta. A pochi passi dalla famosa Piazza Venezia, ad esempio, troviamo Palazzo Valentini, edificio del XVI secolo, oggi sede della Città Metropolitana di Roma Capitale. Forse non tutti sanno che proprio in questo luogo, o meglio, al di sotto di questo edificio, esiste un vero e proprio tesoro nascosto, riscoperto soltanto in tempi recenti.

Stiamo parlando dei resti di una domus patrizia di età imperiale. I reperti e i ruderi trovati in questi ambienti risalirebbero al I secolo d.C. e sono stati restituiti al pubblico grazie ad un innovativo percorso multimediale studiato e coordinato da Piero Angela e da altri esperti archeologi. Questa domus ricalca verosimilmente gli ambienti e le stanze che erano tipiche delle case dei nobili in età imperiale. All’interno di essa, infatti, vi sono i resti di terme, con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium. Questa domus presentava anche una sorta di salotto dedicato al gioco: qui, il padrone di casa ospitava i rappresentanti di altre famiglie patrizie per trascorrere del tempo con loro “giocando”, appunto, con gli antichi passatempi dell’epoca come i dadi, usanza assai diffusa in età imperiale.

Gli itinerari segreti della Capitale: ecco i luoghi meno conosciuti di Roma

 

Spostandoci dal centro e dirigendoci verso la Nomentana, troviamo il quartiere Coppedè, estroso esperimento architettonico pensato dalla mente visionaria di Gino Coppedè, da cui appunto prende il nome questo angolo della Capitale. Sono circa 30 i palazzi e le abitazioni disegnate dall’architetto toscano e costruite fino al 1921, tutte raccolte intorno a piazza Mincio, accomunate da linee e forme tanto fiabesche e vagamente liberty che catapulteranno magicamente il visitatore in un’altra città.

A Roma esiste, poi, un altro luogo che pur essendo immerso in uno dei quartieri più caratterizzanti della Capitale, risulta agli occhi degli “ospiti” della città un posto assolutamente fuori dal comune. Stiamo parlando della Piccola Londra e del cosiddetto “vialetto” del Flaminio.

È una stradina edificata nei primi anni del XX secolo e inserita nel piano regolatore dell’allora sindaco Ernesto Nathan, londinese di nascita ma cittadino romano a tutti gli effetti. Il progetto di sviluppo urbanistico di Nathan prevedeva, tra le varie, una razionalizzazione delle unità abitative: i villini, composti da un giardino posto alle spalle dell’ingresso sulla strada principale, non dovevano essere più alti di due piani. La Piccola Londra di Roma non è altro che l’unico esempio dell’idea di città pensata da Nathan mai costruita nella Capitale: in questa stradina, circondati da villette a schiera assai curate, con i loro tipici cancelletti in ferro nero, sembrerà di passeggiare per le vie di Notting Hill o Kensington a Londra.

Chiudiamo parlando di uno dei luoghi più romantici della Capitale, già teatro di una delle scene del film premio Oscar La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino. Sull’Aventino, poco lontano dal caratteristico Giardino degli Aranci, si trova la villa del Priorato di Malta.

Questo edificio con annesso giardino, sede dell’Ordine dei Cavalieri di Malta, costituisce certamente un’attrattiva di pregio dal punto di vista artistico e storico, ma c’è un particolare che lo contraddistingue da tutti gli altri monumenti più famosi della Capitale: guardando dal buco della serratura del portone principale del fabbricato, infatti, è possibile ammirare tra le fronde degli alberi del giardino la sagoma della cupola di San Pietro, per una cartolina da sogno da portare con sé al ritorno dalle vacanze romane.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12744 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.