Codacons: esposto contro lo spot della Protezione Civile per la raccolta fondi contro il Covid19



Dopo l’esposto presentato dal Codacons all’Antitrust contro lo spot della Protezione civile per la raccolta fondi contro il coronavirus, l’ente modifica il messaggio pubblicitario, che oggi appare più corretto e trasparente.
L’associazione si era infatti rivolta all’Autorità per la concorrenza, segnalando uno spot della Protezione civile trasmesso a fine maggio sui principali canali televisivi, nel quale si invitavano i cittadini a versare soldi per sostenere il SSN e acquistare presidi medici ospedalieri quali apparecchiature indispensabili per le terapie intensive da distribuire agli ospedali nella lotta contro il coronavirus.

 

DOPO ESPOSTO CODACONS ALL’ANTITRUST LO SPOT È CAMBIATO E ORA PIÙ CORRETTAMENTE SI CHIEDONO CONTRIBUTI PER IL SSN

In quegli stessi giorni, tuttavia, i ricoveri nei reparti di terapia intensiva registravano un drastico calo, per cui il messaggio pubblicitario risultava basato su fattori psicologici legati alla paura del tutto ingiustificati e fuori contesto, in grado di modificare le scelte economiche dei consumatori in un momento in cui non vi era una reale necessità di incrementare il numero di posti letto per la cura dei malati da coronavirus.
Dopo questo esposto, la Protezione civile ha modificato il suo spot, che ora in modo corretto e trasparente invita si i cittadini a donare, ma solo per il Sistema Sanitario.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.