Auguri Italia!



159 anni fa veniva proclamata l’unità d’Italia. Nel vedere quanto accade in questi giorni di emergenza, mi viene difficile pensare ad un paese unito.

Quale unità?

Dov’è unita l’Italia se un campano non può contare nell’assistenza sanitaria sulla stessa qualità che può contare un lombardo?

Dov’è unita questa nazione se neanche di fronte alla tragedia di migliaia di morti gli sciacalli politici non smettono di dividere il paese pur di avere qualche visualizzazione in più? Addirittura c’è chi, pur facendo parte della maggioranza, la scredita, seppur con un inglese degno di Nando Mericoni, all’estero?

Qualcuno li ha definiti drogati di visibilità

Io li definisco semplicemente dei vermi.

L’Italia unita? Così unita che nel “Decreto cura Italia” si dimenticano letteralmente milioni di professionisti; per lor signori come camperanno nei prossimi mesi?

Un’Italia così coesa che invece di dichiarare l’abolizioni delle utenze, dei fitti e dei contributi da versare durante l’emergenza, si rinvia (solo per alcuni) ai prossimi 60 giorni il pagamento.

Chi mantiene le redini in mano del paese è consapevole che ci vorrà almeno un anno per ritornare agli stessi fatturati di prima e che non tutti riusciranno a smaltire i debiti contratti?

Il bel paese

Un paese così bello che si mandano in onda sui principali canali nazionali servizi con foto vecchie pur di screditare il meridione.

In compenso lo schifo ci unisce.

Ricordate l’episodio dello sputo al medico di Napoli? I soliti dementi razzisti sentenziarono “Dove se non a Napoli?”. Spieghi loro che certe cose accadono ovunque, perché la mamma dei fessi non solo è sempre incinta ma non conosce nazionalità. Ma i dementi rispondono che “Da me certe cose non accadono”. Dopo pochi giorni, infatti, la stessa cosa accade a Pisa. I dementi, questa volta, muti…

Ora c’è lui

I soliti professionisti della politica, non quella buona, pur di differenziarsi in un momento dove è richiesta coesione, nominano uno scienziato dell’emergenza per farsi aiutare. Peccato che tutte le emergenze affrontate da questo scienziato siano ancora oggi lì a ricordarci le sue incapacità. Uno scienziato, ricordo, che è stato triste perché i Campi Flegrei e il Vesuvio non hanno fatto il loro dovere. Ma sì, l’unità d’Italia…

Garibaldi

“Qui si fa l’Italia o si muore!” urlò l’eroe dei due mondi al generale Nino Bixio. Beh l’Italia è stata fatta, peccato a spese di intere regioni che sono state letteralmente spolpate dall’unificatore. Certo i politici eletti successivamente in queste regioni sono stati a dir poco “mariuoli” così come è pur vero che il popolo si merita i politici che elegge, però c’è un ma…

Ad un certo Stato conviene che in certe zone ci sia uno stato perenne di emergenza perché è così che prospera l’anti stato e, quindi, il saccheggio del presente e del futuro delle donne e degli uomini di quei luoghi.

Nonostante tutto…

Mi sento italiano e sono orgoglioso di parte della mia gente. Orgoglioso di far parte di un popolo che ha scritto migliaia di anni di storia, arte, cultura, bellezza, conquiste eroiche, scoperte importanti che ha dato e che darà i natali a personaggi che hanno e che avranno l’onore di scrivere le più belle pagine della storia.

Nonostante tutto lotto e lotterò affinché l’Italia occupi nel mondo il ruolo che le compete ossia di sguardo positivo verso il futuro.

Di certo non mi scoraggiano gli ignoranti, gli sciacalli, i pidocchi e gli inetti alla ricerca di cadaveri da mangiare.

Roma Caput mundi

L’augurio che faccio agli italiani è quello di superare indenni questa buia fase. Se sapremo essere uniti non sotto lo scudo del dio denaro bensì sotto il desiderio di ritornare a vivere all’insegna dei veri valori della vita, sono convinto che avremo di nuovo Roma “Caput mundi”.

Ricordiamoci di quello che viviamo in questi giorni per evitare di riviverlo un domani. Mai più sottomissioni imposte da Germania e Francia camuffate da Europa, ma spazio a politiche che mettano al centro l’uomo e non l’economia.

Quindi più investimenti nello stato sociale in particolare nella sanità, nell’istruzione e nella green economy.

Cari napoletani, cari milanesi , cari palermitani, ma soprattutto cari italiani, lasciamo agli altri l’assillo di vivere per accumulare denaro.

Le nostre ricchezze dovranno essere l’amore dei nostri cari, l’amore per il nostro popolo, l’amore per la vita. A chi vive per lavorare ricordo che da morto neanche il conto corrente più gonfio possibile potrà servire.

Auguri all’Italia unita in alcune cose ma ancora disunita in altre.

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 18282 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.